Advertisement

La crescita mondiale nel 2018 appare promettente

La crescita mondiale nel 2018 appare promettente

La crescita mondiale nel 2018 appare promettente. A dicembre, abbiamo rivisto al rialzo le nostre stime sulla crescita per molti dei Paesi. Il weekly di Amundi

Negli USA, la crescita nel Q4 è stata vigorosa, probabilmente ha superato il 3% (tasso annuo) per il terzo trimestre consecutivo. E il Congresso ha appena approvato dei tagli fiscali che stimoleranno la crescita nei prossimi trimestri. Abbiamo rivisto al rialzo le nostre stime sulla crescita per il 2018 portandole dal 2,1% al 2,6% e ci aspettiamo una crescita del 2,2% per il 2019. 

Vista la natura pro-ciclica dei tagli fiscali in un’economia prossima alla piena occupazione, aumentano le possibilità che l’inflazione risalga più avanti.  Di conseguenza, per quest’anno prevediamo tre rialzi dei tassi da parte della Fed invece di due. 

Nella zona Euro, la ripresa si sta intensificando: la crescente fiducia, la maggiore redditività delle società e le condizioni finanziarie molto accomodanti costituiscono un cocktail molto favorevole agli investimenti: il miglioramento del mercato del lavoro sostiene la domanda delle famiglie, mentre le esportazioni beneficiano della domanda mondiale. Abbiamo rivisto le nostre stime sulla crescita portandole dal 2% al 2,3% (2018). 

Per quanto riguarda il Regno Unito, i Paesi dell’UE hanno deciso di dare il via a delle trattative commerciali.  Le
trattative saranno difficoltose, ma gli Europei hanno aperto la porta a un periodo di transizione che durerà fino alla fine del 2020 e in cui i rapporti tra il RU e l’UE rimarranno invariati.  C’è quindi minor incertezza sulle prospettive a breve termine.

Abbiamo rivisto leggermente al rialzo le nostre stime sulla crescita per il 2018 (dall’1,2% all’1,5%), 
attestata comunque sugli stessi livelli (bassi) del 2017. Infine, sui mercati emergenti, la crescita vivace nel Q3 e gli ottimi indicatori ci hanno spinto a rivedere al rialzo le nostre stime sulla crescita per il 2018 e portarle dal 4,9% al 5,0%.  Ci aspettiamo ora un’accelerazione moderata della crescita mondiale dal + 3,8% nel 2017 al + 3,9% nel 2018.

In questo contesto, prevediamo che nel 2018, per la prima volta dalla Grande crisi finanziaria, si chiuderà l’output gap. In questo contesto, ritorneranno ben presto in primo piano gli interrogativi sulle strategie delle banche centrali.

Dallo stesso autore