AdvertisementAdvertisementAdvertisement

Inchiesta azionario Cina: opportunità e rischi

Inchiesta azionario Cina: opportunità e rischi

Le azioni cinesi presentano un ratio P/e di 12,85, nettamente inferiore a quello dei listini azionari dei Paesi industrializzati. Abbiamo chiesto alle principali società di gestione del risparmio se il dato dato indica una reale convenienza delle azioni cinesi oppure se può essere considerato come un valore meno rilevante nel processo di valutazione di questo mercato.

Dopo un 2018 negativo il mercato cinese ha recuperato in gennaio grazie all’impegno di una risoluzione della disputa commerciale tra Usa e Cina e alla minore avversione al rischio da parte degli investitori. Secondo la maggior parte degli intervistati il mercato cinese non può essere valutato osservando solo il rapporto price/earning, poiché dice solo una verità parziale. Un rapporto più affidabile a cui guardare è quello tra l’Enterprise value (Ev) e l’Ebitda, che dà un’idea più chiara della solidità dei bilanci. Le valutazioni e il potenziale di crescita della Cina sono molto interessanti. Il Paese è in evoluzione grazie all’apertura agli investitori esteri, alla recente inclusione delle società cinesi negli indici emergenti Msci che comporta un maggiore afflusso di capitali nel Paese. Inoltre il Governo ha annunciato nuovi interventi di politica monetaria e fiscale a sostegno dell’economia e delle imprese. La crescita nel prossimo periodo dovrebbe essere sempre più trainata dalla domanda dei consumatori e dai servizi, in primo luogo dal settore privato.

E’ importante, tuttavia, tenere conto dei fattori di rischio. L’eccesso di capacità produttiva dei settori più tradizionali, l’aumento del debito totale, il disequilibrio di una parte del mercato immobiliare, le tensioni commerciali con gli Stati Uniti, il calo della crescita economica e delle esportazioni sono alcune tra le sfide più importanti che il Paese dovrà affrontare e spesso giustificano gli improvvisi aumenti di volatilità del mercato.

Vediamo in dettaglio i contributi:

Cina, investire quando il mercato è ricco di rischi Jian Shi Cortesi, Gam Investments

La Cina può contare sui consumi interni Jin Xu, Columbia Threadneedle Investments

Cina: valutazioni interessanti che non si vedevano da tempo John Lin e Stuart Rae, AllianceBernstein,

Cina, rischio di hard landing altamente improbabile Lilian Co, portfolio manager del fondo EI Sturdza Strategic China Panda Fund

Cina, rischi derivano da velocità di crescita del debito Luca Castoldi, Fideuram Asset Management Irlanda

Cina, la corporate governance rimane uno dei rischi maggiori Jan Boudewijns, head of Emerging Equity Management di Candriam

Cina, situazione debito supera timori conflitto commerciale Leopold Quell, Raiffeisen Capital Management

Cina, l’importanza di valutare le aziende a livello fondamentale Nicholas Chui, Aberdeen Standard Investments,

Cina, nuovi stimoli migliorano sentiment su azionario Sean Taylor, Dws

Cina, valutazioni interessanti nel settore privato Marcel Zimmermann, Lemanik

Cina, perché puntare sulle A-shares? François Perrin, East Capital

Cina, azioni A con potenziale di rialzo nel lungo periodo Aneeka Gupta, associate director of Research di WisdomTree

Cina, elevato potenziale di sviluppo finanziario nel lungo periodo Luigi Antonaci, responsabile Equity per Eurizon Capital SA

Cina, governo mantiene una posizione finanziaria sana Esther Baroudy e John Flynn, State Street Global Advisors

Cina, il mercato continua a tagliare le previsioni sugli utili Victoria Mio, Cio Chinese Equities di Robeco

Cina, positiva la performance di lungo termine Dawid Krige, advisor del fondo Banor Sicav Greater China Equity

Cina, controversia commerciale la rende più competitiva Greg Kuhnert, portfolio manager dell’All China Equity Fund di Investec Am

Cina, il successo dipenderà sempre più da innovazione e ricerca Thomas Schaffner, Vontobel Asset Management

Cina meno volatile con ingresso investitori internazionali Debora Delbò, strategist di Amundi Sgr

Cina, utili societari cresceranno del 10% Michiel van Voorst, Cio Asian Equities di Union Bancaire Privée (Ubp)

Cina, positive le azioni del settore energetico Charlie Awdry, fund manager, Janus Henderson

Cina, positivo il mercato domestico delle azioni A Davide Barattini, Anima

Cina, la capacità di selezione dei titoli è fondamentale Andrew Graham, head of Asia di Martin Currie (Gruppo Legg Mason)

Cina, azionario presenta opportunità ma attenzione ai rischi Marco Vailati, responsabile Ricerca & Investimenti di Cassa Lombarda

Cina: “Meglio concentrarsi su stock picking e valutazioni di singole azioni” Hayian Li, analista Cina di Carmignac