AdvertisementAdvertisement

Cina, export accelera inaspettatamente

Cina, export accelera inaspettatamente

Piazza Affari e borse europee in rialzo. Mercati asiatici positivi. Dollaro forte, ai massimi da dieci giorni sul paniere delle principali divise internazionali

Aggiornamento sui mercati a cura di UniCredit

Apertura in lieve rialzo per Piazza Affari che segna +0,51%, in linea con altri listini europei. Il Consiglio di Stato ha rinviato al 31 luglio l’udienza per discutere se prorogare o meno la sospensione del termine per la trasformazione in SpA della Popolare di Sondrio e della Popolare di Bari. Il rinvio è dovuto all’incompatibilità di due membri del collegio.

Banca Mps (EUR 2,42): il CdA ha deciso all’unanimità di non costituirsi parte civile nel procedimento penale che vede imputati a Milano l’ex-AD e l’ex-presidente della banca, Fabrizio Viola e Alessandro Profumo, per manipolazione del mercato e false comunicazioni sociali.

Brunello Cucinelli (EUR 32,65): ha registrato nel primo semestre dell’anno ricavi netti per 269,5 mln, in rialzo del 9% a cambi correnti e dell’11,9% a cambi costanti.

Prysmian (EUR 21,39): la società e haltri gruppi hanno perso il ricorso contro la multa da 302 mln che era stata comminata dalla UE per aver
formato un cartello. Prysmian ha sottolineato di non condividere le conclusioni del tribunale e presenterà appello alla Corte di Giustizia dell’UE.

Unieuro (EUR 11,88): ha archiviato il primo trimestre dell’esercizio 2018/2019 con ricavi in crescita del 14,1% su anno, a 418,6 mln, grazie all’espansione del perimetro del gruppo e alla crescita dell’online e del canale B2B.

Wall Street chiude la seduta in buona crescita: il Nasdaq Composite guida il rimbalzo segnando un rialzo dell’1,69%, dopo aver toccato nell’intraday un nuovo massimo storico a 7.282,60 pts. Bene anche il Dow Jones (+0,91%) e l’S&P 500 (+0,87%). Delta Air Lines chiude in rialzo dell’1,79% dopo aver riportato un utile per azione a Usd 1,77 rispetto ai Usd 1,72 attesi dagli analisti. I titoli Amazon (+2,37%) viaggiano verso un nuovo record dopo che gli analisti di Canaccord hanno definito il titolo tra i più robusti e durevoli, mettendola davanti a Netflix, Facebook e Alphabet.

Le Borse asiatiche continuano a riprendere fiato, tranne Shanghai, spinte dai guadagni di Wall Street sulle attese di risultati societari forti, ma all’orizzonte si prospetta un inasprimento del contenzioso commerciale fra Stati Uniti e Cina dopo che a giugno l’export cinese con l’America ha fatto registrare un surplus record. Tokyo ha chiuso in rialzo dell’1,85%, dopo aver superato il 2% in corso di seduta. Shanghai e Hong Kong si muovono in direzioni opposte: flette la prima mentre cresce la seconda.

Bilancia Commerciale Cina: accelera inaspettatamente l’export cinese in giugno e raggiunge un nuovo massimo nei confronti degli Usa; un segnale positivo per l’economia cinese, ma anche potenzialmente un ulteriore argomento per Trump per inasprire la guerra commerciale contro Pechino.

L’export è cresciuto dell’11,3% su anno, dopo il +12,6% di maggio, contro attese del +10,0%. Salgono, ma meno delle attese, anche le importazioni: +14,1% in giugno dopo il +26,0% del mese precedente, su stime per un +20,8%. La bilancia cinese registra un surplus complessivo in allargamento a Usd 41,6 mld.

Cambi Eur/Usd a 1,165: dollaro forte, ai massimi da 10 giorni sul paniere delle principali divise internazionali, sostenuto dalla conferma delle
aspettative di un’inflazione in rafforzamento negli USA e quindi dalla prospettiva di una fase ancora lunga di rialzo dei tassi da parte della Fed.

Commodities: petrolio Wti a Usd 70,33 al barile. Quotazioni petrolifere nel complesso deboli questa mattina e indirizzate verso il secondo calo settimanale consecutivo. Pesa l’incremento della produzione dei paesi Opec e della Russia. Non riesce a sostenere in maniera duratura il mercato l’allarme lanciato ieri dall’Aie, secondo cui il cuscinetto di capacità inutilizzata potrebbe essere messo sotto tensione dalle interruzioni
produttive in numerosi paesi.

Obbligazionario: il bund future di settembre ha aperto in calo di 9 tick a 162,68. Lo spread Btp/Bund 10y riparte da quota 235 pts, con il
rendimento del nostro decennale al 2,62%.

Macroeconomia: In arrivo nel pomeriggio negli Stati Uniti la stima sulla fiducia dei consumatori di luglio.

Dallo stesso autore