AdvertisementAdvertisementAdvertisement

Cina, rischio di hard landing altamente improbabile

Cina, rischio di hard landing altamente improbabile

Lilian Co, portfolio manager del fondo EI Sturdza Strategic China Panda Fund, risponde alle domande di Fondi&Sicav sull’azionario Cina

EIS_FINALLOGO_0714

EI Sturdza

Lilian Co, EI Sturdza

Le azioni cinesi presentano un ratio P/E di 12,85, nettamente inferiore a quello dei listini azionari dei Paesi industrializzati. Secondo voi il dato indica una reale convenienza delle azioni cinesi o è un valore meno rilevante nel processo di valutazione di questo mercato?

Le attuali valutazioni dell’azionario cinese sono attraenti. L’indice Msci China Index è scambiato a un multiplo 2019 di 11,4 volte. Crediamo che questa valutazione sconti già il rallentamento dell’economia, legato alle dispute commerciali con gli Stati Uniti, dei consumi e del mercato immobiliare. Quando paragonato al listino S&P500, scambiato a un multiplo 2019 di 16,6 volte dopo un rally rialzista durato dieci anni, siamo favorevoli all’azionario cinese che mostra un rapporto rischio/rendimento interessante e un rischio di ribasso limitato. Le valutazioni del mercato azionario cinese hanno sempre tardato quelle di altre piazze di Paesi sviluppati. Crediamo che il mercato sia troppo pessimista sulle prospettive economiche della Cina e impaurito dal rischio di un “hard landing”, cosa che noi vediamo come altamente improbabile.

Molti indicano il ratio debito privato/Pil -attualmente al 160%- come una delle mine vaganti per il mercato finanziario cinese. Quali altri fattori potrebbero mettere in discussione le opportunità offerte dai listini domestici del gigante asiatico?

Il carico di debito è sempre stato un fattore frenante per l’azionario cinese negli ultimi anni. Tuttavia, il governo del Paese ha riconosciuto il problema e fatto molti passi in avanti in ottica di deleveraging durante il 2018, compresa l’implementazione di regole per l’asset management e requisiti di credito nel sistema di shadow banking più stringenti. Dall’altro lato, la riduzione del debito è stata una delle principali ragioni del calo dell’azionario cinese dello scorso anno.
Gestioni patrimoniali e prodotti fiduciari hanno poi contribuito al calo della liquidità e alle vendite nel mercato azionario. Nonostante questo abbia causato un impatto di breve termine, crediamo che la riduzione del debito vada a vantaggio dello sviluppo secolare dell’economia cinese e sia la soluzione ottimale per limitare il peso del debito. Non pensiamo perciò che l’elevato tasso di indebitamento rappresenti una seria minaccia per l’economia cinese, né possa essere causa di un hard landing nel breve termine. Crediamo sia necessario, invece, mantenere un occhio vigile sulla situazione tra Cina e Stati Uniti. Ogni ulteriore disputa potrebbe essere un chiave rischio di ribasso.

 

EI Sturdza Strategic Management Limited è una società di fondi di investimento indipendente basata a Guernsey, Regno Unito. Parte dell’Eric Sturdza Banking Group, gruppo che nel suo complesso gestisce un patrimonio di circa 10 miliardi di dollari, Ei Sturdza ha una struttura multi-boutique che offre strategie di investimento azionarie e obbligazionarie che spaziano su molteplici aree geografiche. EI Sturdza è inoltre distributore globale di VIA AM SICAV, una UCITS domiciliata a Lussemburgo, specializzata nello sviluppo di strategie sistematiche. EI Sturdza è stata premiata da Citywire con il rating Platinum nella categoria Equity – Europe sector (valutazione che posiziona la società tra il migliore 5% dei gruppi attivi nel comparto).

Stefania Basso

Laureata all'Università Statale di Milano, dal 2006 collaboro con Fondi&Sicav. Lunga esperienza nel settore del risparmio gestito come marketing manager presso Franklin Templeton Investments e J.P. Morgan Fleming Am a Milano e a Lussemburgo. Breve esperienza presso Lob Media Relations come ufficio stampa per alcune realtà finanziarie estere. In tutto il mio percorso professionale ho lavorato a stretto contatto con persone provenienti da diverse parti del mondo, che mi hanno permesso di avere un approccio dinamico e stimolante e di apprendere attraverso il confronto con realtà differenti.

Dallo stesso autore