Debito emergente tra mosse Fed e guerra commerciale

Le prospettive dell’asset class alla luce della disputa commerciale tra Usa-Cina e le decisioni della Fed il prossimo 20 marzo a cura di Georges Farre, head of Emerging Markets di La Française Am

la-francaise

Georges Farre, La Française
Georges Farre, La Française Am

Nel corso del 2018, il debito dei mercati emergenti è stato principalmente influenzato dalla politica di rialzo dei tassi della Federal Reserve e dall’aumento dei dazi tra Usa e Cina. Di conseguenza, il premio al rischio medio dell’obbligazionario emergente è salito alla fine del 2018 dai 280 punti base del 1° gennaio a 415 punti base rispetto ai tassi Usa, secondo il JP Morgan Emerging Market Global Diversified Bond Index in dollari Us.

In seguito all’ultima riunione del Fomc del 30 gennaio, la Fed ha commentato:

“Alla luce degli sviluppi economici e finanziari e delle scarse pressioni inflazionistiche, il Comitato sarà paziente nel determinare quali futuri aggiustamenti nel range obiettivo dei tassi d’interesse saranno appropriati per sostenere questi risultati”. Questo implica che, almeno nel breve termine, la banca centrale americana ha deciso di mettere in pausa il percorso di rialzo dei tassi. Nel frattempo, l’impennata del dollaro americano rispetto alle altre valute si è conclusa, poiché il crescente divario tra i tassi d’interesse negli Stati Uniti e quelli nel resto del mondo non è più cresciuto.

Questo rappresenta un forte stimolo per i mercati emergenti: anche il costo di indebitamento in dollari Us per rifinanziare il debito degli emergenti al momento non sta più aumentando e la percezione del rischio sta migliorando, in quanto le valute si sono finalmente stabilizzate. All’11 marzo 2019, il premio al rischio secondo l’indice JPEMGB era cresciuto di 65 punti base dall’inizio dell’anno, raggiungendo quota 350 punti base. Abbiamo visto performance molto positive dai Paesi in America Latina e in Africa, ai quali viene generalmente assegnato il rating di “sub-investment grade” e hanno spesso necessità di finanziamento significative, e ciò potrebbe continuare.

I negoziati commerciali tra Stati Uniti e Cina si stanno avvicinando a un accordo. Il presidente Donald Trump ha dichiarato che gli Stati Uniti ritarderanno l’aumento delle tariffe su 200 miliardi di dollari di merci cinesi previste per il 1° marzo. Domenica 24 febbraio, Trump ha inoltre twittato che “i nostri negoziati commerciali con la Cina hanno raggiunto sostanziali progressi, su importanti questioni di protezione della proprietà intellettuale, il trasferimento di tecnologia, l’agricoltura, i servizi, la valuta e molte altre questioni”.

Ciò detto, alcune fonti vicine ai negoziati affermano che le due parti sono ancora lontane su questioni quali il trasferimento di tecnologia e l’implementazione effettiva di un eventuale accordo. Vediamo progressi nei colloqui ma siamo ancora molto lontani dal raggiungimento di un accordo definitivo. In questo contesto, il debito dei mercati emergenti ha ricevuto sostegno dalla nuova fase di comprensione reciproca. Tuttavia, nulla è stato ancora firmato. Ci vorrà un po’ di tempo prima che le tensioni Usa-Cina si plachino definitivamente.