AdvertisementAdvertisementAdvertisement

Ethenea: “Preferiamo i corporate bond a breve scadenza”

Ethenea: “Preferiamo i corporate bond a breve scadenza”

La partecipazione di Dr. Volker Schmidt, senior portfolio manager di Ethenea, all’ichiesta di Fondi&Sicav sui corporate bond globali

Ethnea

Volker Schmidt, Ethenea

Volker Schmidt, Ethenea

Come hanno reagito i corporate bond ai rialzi dei tassi d’interesse decisi dalla Federal Reserve? Quali tipologie di obbligazioni societarie hanno retto meglio e quali sono state più penalizzate?

La Federal Reserve ha iniziato ad alzare i tassi sui Fed Fund a dicembre 2015 e il secondo aumento è avvenuto nel 2016. In seguito, la banca centrale americana ha accelerato il ritmo di aumento dei tassi. Durante questo periodo i corporate bond hanno performato positivamente, grazie al ritmo lento di incremento dei tassi. La curva dei rendimenti si è appiattita in modo sostenuto, dato che i rendimenti a lungo termine non sono saliti quanto i tassi sui Fed Fund. In particolare i corporate bond con scadenze più lunghe hanno beneficiato dell’appiattimento della curva. Sino a questo momento, pochi elementi dimostrano che, nel presente ciclo dei tassi, i tassi sui Fed fund rappresentino un buon indicatore per l’allocazione delle obbligazioni. Negli ultimi tre anni il solido sviluppo economico, tanto negli Stati Uniti quanto a livello globale, ha generato tassi di default ai minimi storici e le condizioni di rifinanziamento sono rimaste favorevoli. Di conseguenza le obbligazioni degli emittenti fortemente indebitati hanno sovraperfomato le obbligazioni classificate come investment-grade negli anni successivi al primo aumento dei tassi. Da un punto di vista teorico prevediamo che le istituzioni finanziarie beneficeranno dell’aumento dei tassi. Tuttavia i bond emessi dal settore non financial hanno persino registrato rendimenti poco superiori a quelli emessi dalle istituzioni finanziarie. Ulteriori aumenti dei tassi, soprattutto se combinati a un rallentamento dell’economia, dovrebbero invertire questo trend. In tale contesto, i bond emessi dalle istituzioni finanziarie dovrebbero essere favoriti, così come i bond emessi dalle aziende meno indebitate.

In vista della fine del Qe nell’Eurozona e di un probabile incremento dei tassi anche nel Vecchio Continente, quali fattori ritenete sia opportuno considerare per selezionare un portafoglio di corporate bond?

La fine del Qe in Eurozona comporterà solo un lento aumento dei tassi di interesse da parte della Bce. Questo fattore, di per sé, non genererà un significativo peggioramento delle condizioni di rifinanziamento per le aziende europee. Tuttavia, con la crescita in Eurozona già in fase di rallentamento e la Bce che terminerà gli acquisti dei bond investment grade alla fine del Qe, le condizioni di rifinanziamento nell’Eurozona potrebbero peggiorare. In questo contesto, gli emittenti altamente indebitati sottoperformeranno. Anche le aziende cicliche, i cui profitti diminuiscono in un periodo di ribasso economico, saranno penalizzate. I settori con un indebitamento superiore alla media, come le telecomunicazioni e le utility si troveranno a fronteggiare condizioni di rifinanziamento più difficili. Al contrario, favoriamo gli emittenti finanziari che potrebbero beneficiare di un aumento graduale dei tassi. Inoltre preferiamo investire nei corporate bond a breve scadenza. Il contesto più difficile renderà ancora più importante un processo ben ponderato di selezione dei bond da parte di un portfolio manager specializzato. Inoltre è sempre utile mirare ai bond sottovalutati poiché offrono un interessante rendimento aggiustato per il rischio a livelli di prezzo inferiori.

Stefania Basso

Laureata all'Università Statale di Milano, dal 2006 collaboro con Fondi&Sicav. Lunga esperienza nel settore del risparmio gestito come marketing manager presso Franklin Templeton Investments e J.P. Morgan Fleming Am a Milano e a Lussemburgo. Breve esperienza presso Lob Media Relations come ufficio stampa per alcune realtà finanziarie estere. In tutto il mio percorso professionale ho lavorato a stretto contatto con persone provenienti da diverse parti del mondo, che mi hanno permesso di avere un approccio dinamico e stimolante e di apprendere attraverso il confronto con realtà differenti.

Dallo stesso autore