Advertisement

Germania, inflazione stabile al 2%

Germania, inflazione stabile al 2%

Mercati europei in calo. Borse Asia-Pacifico positive. Tokyo balza dello 0,96% toccando il massimo delle ultime due settimane.  Il tasso di inflazione tedesco si è attestato ad agosto al 2% su base annua

Aggiornamento sui mercati a cura di UniCredit

Apertura in calo per le Borse europee, con Piazza Affari che cede lo 0,25% nella prime battute. In calo oltre il punto percentuale Ferragamo, FCA e Campari.

Carige (EUR 0,0086): secondo il Sole 24 Ore ieri la Pop12 di Raffaele Mincione ha presentato un nuovo esposto contro Malacalza Investimenti, accusandola di aver svolto attività di sollecitazione di deleghe senza autorizzazione.

Ferragamo (EUR 20,98): ha smentito le indiscrezioni secondo cui la famiglia che controlla il gruppo sarebbe stata contattata da società di private equity e potrebbe valutare una cessione della sua quota.

Mediaset (EUR 2,53): sta lavorando a qualcosa di grosso e di complesso, nell’ambito del progetto di aggregazione paneuropea fra tv generaliste, ha detto l’AD Pier Silvio Berlusconi. Il gruppo cederà la piattaforma tecnologica della pay tv Premium a Sky Italia entro l’anno, come previsto dall’accordo con l’operatore satellitare siglato alla viglia di Pasqua, ha aggiunto Berlusconi Prysmian (EUR 21,00): la messa in servizio e il collaudo del cavo tra Scozia e Galles, la WesternLink interconnection, sono stati temporaneamente interrotti per un problema nella sezione terrestre del collegamento. Sulla notizia il titolo ha perso il 3,45%.

TIM (EUR 0,54): il Chief Commercial Officer Pietro Scott Jovane ha annunciato di voler risolvere anticipatamente il proprio rapporto di lavoro per motivi di carattere personale.

Chiusura mista e poco mossa a Wall Street. Il Nasdaq 100 ha perso lo 0,26%, il Dow Jones ha strappato un rialzo dello 0,11% e l’S&P 500 ha chiuso poco sopra la parità (+0,04%). Nel giorno del lancio dei nuovi iPhone, i titoli di Apple hanno perso l’1,24% a USD 221,07. Nel settore dei semiconduttori, i titoli della Micron Technology hanno lasciato sul parterre il 4,27% dopo che gli analisti di Goldman Sachs hanno abbassato il giudizio a Neutral, con prezzo obiettivo a USD 50 dai precedenti 68 per azione.

Beige Book USA: le tensioni commerciali internazionali hanno spinto le aziende, in diverse parti del paese, a ridurre o a posporre gli investimenti. È quanto emerge dal Beige Book pubblicato ieri sera dalla Fed. L’indagine evidenzia che al momento gli effetti dei dazi appaiono modesti, sebbene stiano causando un aumento dei prezzi degli input, specie nel manifatturiero.

Continua a dominare il nervosismo sui mercati asiatici, anche se l’invito della Casa Bianca al governo cinese a riprendere le trattative sull’interscambio commerciale ha tonificato le Borse e rafforzato lo yuan. Tokyo balza dello 0,96% toccando il massimo delle ultime due settimane. Shanghai guadagna moderatamente intorno al mezzo punto percentuale mentre rimane poco al di sopra della parità l’indice delle blue chip. A Hong Kong gli investitori sono più fiduciosi.

Cambi: Eur/Usd a 1,1617. Appare complessivamente stabile il dollaro questa mattina. I margini di rialzo del biglietto verde sembrano al momento limitati dal riaccendersi delle speranze di una accordo USA-Cina sui dazi dopo la notizia che gli USA hanno invitato la Cina a nuovi colloqui sull tema.

Commodities: Scendono i prezzi petroliferi, rimangiandosi parte dei guadagni di ieri, in un mercato preoccupato delle conseguenze sulla domanda dell’attuale outlook economico. Ieri nel suo rapporto mensile l’OPEC ha ridotto le previsioni sulla domanda globale di petrolio nel 2019 (di 20.000 barili giornalieri), la seconda riduzione consecutiva delle stime, che cita proprio i rischi sulla congiuntura economica internazionale.

Obbligazionario: il Bund future di dicembre ha aperto in rialzo di 8 tick a 159,71, mentre lo spread Btp/Bund 10y è a quota 237 pts, con il rendimento del nostro decennale al 2,79%.

Macroeconomia: Il tasso di inflazione tedesco si è attestato ad agosto al 2% su base annua, rimanendo stabile rispetto al mese precedente e confermando le stime. Oggi è in arrivo l’indice dei prezzi al consumo del mese di agosto per Francia, Germania e USA.

Dallo stesso autore