AdvertisementAdvertisementAdvertisement

Inchiesta

Government bond emergenti

Government bond emergenti

Il 2018 è stato un anno negativo per i government bond emergenti, penalizzati dalla solidità del dollaro e dalla politica monetaria restrittiva della Fed.

Abbiamo chiesto alle principali società di gestione del risparmio cosa pensano del recente rimbalzo dell‘asset class, che ha sorpreso gli investitori per rapidità e intensità: si tratta di un recupero di breve termine oppure possiamo mantenerci fiduciosi nei prossimi mesi?

In generale gli intervistati mantengono un outlook costruttivo grazie a fondamentali solidi, alle valutazioni positive in un ampio spettro di Paesi emergenti, alla risoluzione dei conflitti tra Cina e Stati Uniti e a una Fed più “dovish”. Trattandosi, tuttavia, di un investimento caratterizzato da alta volatilità è opportuno rimanere selettivi e adottare un atteggiamento di cautela.

In portafoglio dunque quali Government bond emergenti – per Paese e valuta – è consigliabile sovrappesare al momento? Vengono osservati con interesse i bond di Paesi con valutazioni attraenti, alti ritorni attesi aggiustati per il rischio e bassa vulnerabilità esterna. Per la maggior parte degli intervistati vengono privilegiate le obbligazioni emergenti in valuta forte rispetto agli investimenti in valuta locale, poiché l’investimento comporta anche un rischio di cambio.

A  livello di Paese vengono citate l’Argentina e la Turchia: in entrambi i casi le bilance commerciali sono tornate in pareggio e l‘outlook è positivo. Bene anche l’Indonesia, grazie alla continua crescita dell’economia, l‘India, il Medio Oriente, l’Africa e il Brasile, alla luce del percorso di riforme delineato del presidente Bolsonaro.

Tra le valute interessanti, positive le prospettive del real brasiliano, rupia indonesiana, peso messicano e quello colombiano.

Vediamo in dettaglio i contributi:

Obbligazioni emergenti in valuta forte da sovrappesare Stefan Grünwald, Raiffeisen Capital Management

I Paesi low yield asiatici e del Ceema performeranno positivamente Abhishek Kumar, State Street Global Advisors

Tcw: “Sovrappesiamo Medio Oriente e Africa” Penelope Foley, Tcw

Bond emergenti, i fondamentali rimangono favorevoli Michael Conelius, T. Rowe Price

Dws: “Siamo positivi sui bond mercati emergenti” Nicolas Schlotthauer, Dws

Debito messicano, ingresso nel Nafta beneficia il Paese Charles Zerah, Carmignac

Nordea: “Puntiamo sui bond in valuta forte di Bahrain, Ucraina, Argentina” Cathy Hepworth, Nordea

Lemanik: “Preferiamo i bond sovrani emergenti in valuta forte” Fabrizio Biondo, Lemanik

Bond emergenti, positivi in valuta locale Debora Delbò, Amundi Sgr

Emergenti, bene i bond di lunga durata ad alto rendimento Jack McIntyre, Brandywine Global (gruppo Legg Mason)

Mercati emergenti, la ripresa congiunturale resta intatta Chia-Liang Lian, Western Am (gruppo Legg Mason)

Obbligazioni argentine da sovrappesare ma attenzione ai rischi Diliana Deltcheva, Candriam

Ubp: “Overweight su Argentina” Koon Chow, Em macro and FX strategist di Union Bancaire Privée (Ubp)

Columbia Threadneedle: “Positivi su Indonesia in valuta forte” Tim Jagger, Columbia Threadneedle

Arca Fondi: “Positive le emissioni di debito estero in euro” Francesco Merli, Arca Fondi Sgr

Debito mercati emergenti, contesto più favorevole nel 2019 Marcelo Assalin, Nn Investment Partners

Vontobel: “Puntiamo su Argentina e Messico” Luc D’hooge, Vontobel Am

Bond quasi sovrani offrono premi di rendimento allettanti Guido Chamorro, Pictet Asset Management

Mirabaud Am: “Positivi su duration lunga dei bond argentini” Daniel Moreno, Mirabaud Asset Management

Kairos: “Cautela su Sudafrica e Messico” Rocco Bove, Kairos

Obbligazioni emergenti, bene una strategia di medio-lungo periodo Paolo Batori, Fideuram Am Ireland

Obbligazionario emergente, positivi Brasile e Turchia Flavio Carpenzano,  AllianceBernstein

Dpam: “Bene il debito in valuta locale” Michaël Vander Elst, Dpam

Debito emergente, opportunità in Africa e America Latina Alejandro Arevalo, Jupiter Am

Schroders: “Investiamo in bond sovrani emergenti con rating più basso” James Barrineau, Schroders

Obbligazioni governative emergenti in valuta forte da sovrappesare Luca Sibani, Epsilon Sgr

Government bond emergenti, meglio una posizione di neutralità Daniele Caroni, direttore dell’Area finanza della Bcc di Roma

Argentina e Turchia: opportunità interessanti nel 2019 Mike Biggs, Gam Investments