Advertisement

Inflazione, per ora non fa paura

Inflazione, per ora non fa paura

Fino a quando l’inflazione e le attività reali si muoveranno seguendo ritmi moderati e positivi, la correlazione tra equity e rendimenti nominali dei bond resterà positiva.

Tiffany Wilding, US Economist di Pimco

L’esperta di Pimco sostiene che il trend rialzista dei mercati azionari abbia buone probabilità di continuare se l’attuale equilibrio tra ripresa dell’inflazione e crescita economica si manterrà inalterato. Al contrario, se il tasso d’inflazione dovesse accelerare e l’attività economica globale dovesse entrare in una fase di decelerazione, potremmo assistere all’inizio di un periodo sfavorevole sia alle performance dei listini azionari sia a quelle dei titoli a reddito fisso. In quest’ultima ipotesi, a trarre vantaggio dal nuovo scenario saranno i titoli obbligazionari indicizzati all’inflazione. Queste mutevoli correlazioni possono avere profonde implicazioni per la costruzione del portafoglio.

Wilding ritiene che valutazioni al di sotto del breakeven medio per i TIPS (Treasury Inflation-Protected Securities) possano sottolineare l’importanza delle coperture dell’inflazione del portafoglio di investimento.

L’ultima lettura del dato sull’inflazione negli Stati Uniti ha evidenziato che l’indice dei prezzi al consumo core (CPI) ha seguito un’evoluzione più debole rispetto alle attese. Di conseguenza , il tasso base annuo è rimasto ancorato al 2,1%. Il team di Pimco ritiene che nei prossimi mesi i prezzi al consumo negli Stati Uniti registreranno un’accelerazione che porterà la variazione annua nel range 2,3%-2,4%, per poi stabilizzarsi al 2,2% entro la fine del 2018.

Il 2018 può essere l’anno della confronto diretto tra i preconcetti sulla correlazione azioni/inflazione. Fino a questo momento, la reazione dell’equity al rallentamento dell’inflazione (o all’avvio di un periodo d’inflazione moderata) sembra confermarlo. La stessa reazione è stata sperimentata dai listini dei mercati emergenti, che hanno mostrato un’elevata sensibilità al rialzo in presenza di dati più soft sull’inflazione.

Rocki Gialanella

Laurea in Economia internazionale presso l’Università degli Studi di Napoli ‘Federico II’. Ho abbracciato il progetto FondiOnline.it nel 2001 e da allora mi sono dedicato allo sviluppo/raggiungimento del target che ci eravamo prefissati: dare vita a un’offerta informativa economico-finanziaria dal linguaggio semplice e diretto e dai contenuti liberi e indipendenti. La storia continua con FONDI&SICAV.

Dallo stesso autore