AdvertisementAdvertisementAdvertisement

IwBank vuole 1 miliardo di raccolta e 100 consulenti in più nel 2019

IwBank vuole 1 miliardo di raccolta e 100 consulenti in più nel 2019

Centralità della rete dei consulenti finanziari, 1 miliardo di raccolta e 100 advisor in più entro la fine di quest’anno. Questo l’obiettivo che è stato annunciato oggi da Dario Di Muro, nuovo direttore generale di IwBank Private Investments al suo primo importante esordio pubblico dopo l’approdo a ottobre 2018 nella banca del gruppo Ubi. Il manager, che per circa 15 anni ha lavorato per Deutsche Bank, ha parlato di fronte a circa 700 consulenti e 300 dipendenti riuniti a Milano per la Convention NOW! di IwBank.

Di Muro ha spiegato di voler fare leva su un modello distributivo ad architettura aperta, che rifletta non solo la lettera ma anche e soprattutto lo spirito originario di Mifid II: trasparenza, confrontabili, piattaforma aperta. Questo comporterà ulteriori investimenti in tecnologia in linea con le nuove frontiere della trasformazione digitale.

Dario Di Muro, Direttore Generale_IWBank Private Investments

Dario Di Muro, direttore generale IWBank Private Investments

«Mifid II segna uno spartiacque rispetto ad un passato in cui ciò che ha premiato molti operatori non potrà più funzionare. L’applicazione concreta della direttiva obbliga infatti sia a una totale trasparenza in termini di costi e di confrontabilità dell’offerta sia a una netta riduzione del conflitto di interesse tra consulente e cliente, con un inevitabile incremento della competizione. In questa nuova dimensione IWBank Private Investments è già approdata, e può affermare di trovarsi in prima fila, forte del suo modello di business centrato sulla figura di consulenti liberi di operare nell’interesse esclusivo dei loro clienti, senza dover sottostare a logiche di budget sui prodotti, né a politiche preferenziali sui livelli commissionali», ha dichiarato Dario Di Muro.

«Non è quindi un puro esercizio creativo l’aver scelto Now! come tema guida della nostra convention», ha sottolineato il manager. La convention nazionale segna l’avvio di una nuova fase di sviluppo che per il 2019 punta all’obiettivo di una raccolta netta pari a 1 miliardo di euro, attraverso una significativa crescita del perimetro della consulenza finanziaria sia per linee interne che esterne. La crescita organica attesa dalla rete dei consulenti finanziari e wealth bankers di IwBank sarà spinta da investimenti finalizzati a un costante arricchimento delle loro singole competenze in ambito normativo, tecnico-finanziario e gestionale, nonché dall’ulteriore evoluzione degli strumenti digitali. Al tempo stesso, l’attività di recruiting sarà focalizzata su qualificati professionisti del mondo bancario o già attivi in altre reti, «con l’obiettivo di rafforzare la rete con 100 nuovi ingressi entro la fine del 2019».  

L’offerta di soluzioni di investimento in architettura aperta di IWBank Private Investments è tra le più ampie del mercato: comprende oltre 4.000 fondi comuni di 40 diverse case di gestione e le polizze danni e vita di quattro compagnie assicurative. La banca vanta 12,1 miliardi di euro di masse in gestione ad agosto 2018, di cui 9,5 miliardi in capo ai consulenti finanziari, con circa 180mila clienti.