AdvertisementAdvertisementAdvertisement

Inchiesta

Legg Mason, ottimisti con cautela

Legg Mason, ottimisti con cautela

In occasione della tavola rotonda sulle obbligazioni organizzata dalla redazione di Fondi&Sicav abbiamo intervistato Matteo Lenardon, deputy country head Italy di Legg Mason.

In questo 2018 gli investitori sono tornati a temere l’inflazione, in particolar modo nel contesto si normalizzazione delle politiche monetarie da parte delle banche centrali, che si teme possano rimanere dietro la curva. Abbiamo chiesto al manager qual è la view di Legg Mason su questo tema.

Il contesto di riferimento sta cambiando e sono alcune autorità monetarie che hanno avviato una politica di normalizzazione dei tassi, in primis la Fed, ma, spiega Lenardon,  c’è da dire che il mercato vuole continuamente anticipare quelle che sono le mosse delle banche centrali, e nelle settimane a cavallo tra gennaio e febbraio ha iniziato a prezzare un grande ottimismo per vari scenari che si possano realizzare nel breve periodo, in particolare dopo l’uscita di un dato molto sorprendente sulla crescita dei salari orari negli stati Uniti, che hanno registrato un aumento del 2,9% anno su anno, un dato sicuramente molto positivo. Dopo l’uscita di questo dato la curva americana si è spostata di circa 80 punti base, un bel salto, che prezza tra l’altro al suo interno tutta una serie di condizioni reflattive date non solo dalla politica monetaria ma in primis anche dall’avvio della riforma fiscale voluta da Trump. Le aspettative degli operatori di mercato sono per un ciclo di cinque rialzi da qui fino a fine 2019, con alcuni analisti che hanno aspettative più rosee delle migliori aspettative dei componenti del Fomc. Secondo il manager di Legg Mason è corretto essere ottimisti, ma il mercato in questo momento sta scontando uno scenario eccessivamente positivo.
Sulla base di questa view, nell’ambito della gestione di portafoglio, Legg Mason ritiene che vi siano buone opportunità di acquisto sui Treasury se questi dovessero ulteriormente deprezzarsi da valori attuali.

Guarda il video