AdvertisementAdvertisementAdvertisement

Nuove politiche di marketing: sempre più social e digitali

Nuove politiche di marketing: sempre più social e digitali
Vittoria La Porta direttore comunicazione Widiba

Vittoria La Porta direttore comunicazione Widiba

Il marketing tradizionale, per molto, forse troppo tempo, è stato usato dall’industria della consulenza finanziaria con vecchi schemi. Da qualche anno le società-reti e gli stessi consulenti hanno cominciato a sperimentare nuove modalità e strumenti di comunicazione, puntando su una relazione più matura e paritaria e basata sui contenuti. Piattaforme e canali digitali, social media e big data stanno modificando nel profondo il settore. Ma anche incontri di formazione, appuntamenti culturali, iniziative a carattere social, che si aggiungono ai classici evergreen come le gare di golf o di vela, un vero must di fine anni ’90. Il marketing della consulenza finanziaria è insomma in fase di profondi e radicali cambiamenti

«Se guardiamo al mercato americano, l’80% dei consulenti finanziari ha acquisito nuova clientela tramite i social media. Un numero importantissimo che cresce di anno in anno e che non possiamo che guardare con ammirazione», sottolinea Vittoria La Porta, direttore comunicazione di Widiba.

Duccio Marconi, CheBanca!

Duccio Marconi, direttore centrale consulenti finanziari di CheBanca! (gruppo Mediobanca)

Secondo Duccio Marconi, direttore centrale consulenti finanziari di CheBanca! (gruppo Mediobanca), «i canali digitali, anche grazie ai social network, si stanno affermando in maniera sempre più preponderante, anche se ancora marginalmente rispetto ad altri paesi, con una progressiva adozione in affiancamento ai mezzi più tradizionali, come carta stampata ed eventi. Con il supporto delle piattaforme di customer relationship management (Crm), il grande valore della comunicazione digitale permette oggi di informare in maniera segmentata e personalizzata, garantendo messaggi più efficaci e diretti, sia B2B, a supporto ad esempio del reclutamento, sia B2C, per comunicare ai clienti la distintività del modello di servizio e l’offerta».

Francesco Velluti, responsabile marketing e rete di Intesa Sanpaolo Private Banking

Francesco Velluti, responsabile marketing e rete di Intesa Sanpaolo Private Banking

Francesco Velluti, responsabile marketing e rete di Intesa Sanpaolo Private Banking, vede nel content marketing, «un alleato fondamentale per un’azienda del settore della consulenza finanziaria per costruire le fondamenta del rapporto fiduciario con il cliente: chi si rivolge a noi cerca esperti, professionisti in grado di dare soluzioni a esigenze complesse».

Gianluca Scelzo, consigliere delegato di Copernico Sim: «Negli ultimi tempi il trend è effettuare incontri con gruppi di clienti o potenziali tali che siano, sia formativi, sia commerciali. Uno degli strumenti che spesso utilizziamo è l’aperitivo finanziario: questa metodologia consiste nell’organizzare micro-convegni, solitamente con un pubblico di 15-20 persone in uno dei nostri uffici, dove vengono spiegati in maniera semplice alcuni strumenti finanziari, per esempio fondi pensione o Pir, in modo che l’investitore possa essere informato dei vantaggi o delle novità normative. Per quanto riguarda altre tipologie di eventi, alcuni colleghi continuano a puntare su sponsorizzazioni di manifestazioni di carattere sportivo: il golf, per esempio, va sempre di moda e ancora di più se è di carattere benefico».

Nel settore c’è anche chi ha fatto della comunicazione formativa e informativa con i clienti il proprio tratto distintivo, quasi identitario. «Da quest’anno siamo partiti con l’Academy life banker, un road show territoriale per essere ancora più vicini ai nostri clienti dal Nord al Sud Italia, valorizzando la relazione interpersonale e territoriale dei consulenti finanziari life banker», racconta Ferdinando Rebecchi, responsabile life banker di Bnl-Bnp Paribas Life Banker. continua a leggere

leggi il numero 111 di Fondi&Sicav 

 

 

 

Dallo stesso autore