AdvertisementAdvertisement

Mediolanum chiude il 2018 con 107 private banker in più

Mediolanum chiude il 2018 con 107 private banker in più

Con l’arrivo, tra novembre e dicembre, di 11 nuovi professionisti la rete di Banca Mediolanum chiude il 2018 con 107 private banker in più, 49 dei quali provenienti da altri istituti bancari. Degli 11 ultimi professionisti acquisiti, i 7 ex bancari sono: Carmine Porco, Daniele Ercolani, Marco Cambursano, Roberto Carfì, Andrea Manente, Gianfranco Chironi e Diego Crognale.

Secondo quanto reso noto la rete di Family banker guidata da Stefano Volpato, direttore commerciale di Banca Mediolanum, il team di Ugo Lombardi, regional manager della Calabria e di parte della Basilicata, si rafforza con l’ingresso di Carmine Porco, 53 anni, attivo su Cosenza. «Nel settore bancario dal 1991, Porco ha maturato esperienze sempre più qualificanti, per banche territoriali, fino ad assumere, per Credito cooperativo Mediocrati, il ruolo di capo zona sud con completo coordinamento dei 9 maggiori sportelli per dimensione», si legge nel comunicato diffuso dalla banca.

Daniele Ercolani, 47 anni, operativo su Rimini, entra a far parte del gruppo guidato da Andrea Zini, regional manager della Romagna. Bancario dal 1993, Ercolani ricopre ruoli di responsabilità per la tesoreria ed esattoria della Banca centrale della Repubblica di San Marino e per l’ufficio private di Asset Banca. Il team capitanato da Pier Paolo Zoppi, regional manager di Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria, si irrobustisce con l’ingresso di Marco Cambursano, 50 anni, attivo su Torino. Cambursano inizia la sua carriera bancaria nel 1989 per Banca Sanpaolo Imi e ricopre ruoli di crescente responsabilità fino a diventare nel 2004 vice direttore della filiale di Asti e direttore di altre tre filiali per Cassa di Risparmio di Asti.

Con l’inserimento di Roberto Carfì, 50 anni, operativo su Ragusa, si rafforza il gruppo coordinato da Valter Schneck, regional manager della Sicilia. Assunto da Credito Italiano nel 1990, Carfì gestisce dapprima il portafoglio dei clienti affluent, successivamente quello degli imprenditori, fino a ricoprire il ruolo di direttore di filiale, dal 2008, anno di fusione di Credito Italiano in Unicredit.

Gli altri banker arrivano da Unicredit (Gianfranco Chironi, operativo su Sassari), da Ubi Banca (Diego Crognale, operativo su Ancona) e da Mps (Andrea Manente, attivo su Venezia)

Dallo stesso autore