AdvertisementAdvertisementAdvertisement

Mercato azionario italiano, bene settore consumer e industriale

Mercato azionario italiano, bene settore consumer e industriale

Britta Weidenbach, head European Equities di Dws, partecipa all’inchiesta di Fondi&Sicav dedicata all’azionario Italia

DWS_Logo_Global_Print_PMS_Cool_Grey_6_CMYK

Britta Weidenbach, Dws

“L’andamento dei risultati finanziari giocherà un ruolo fondamentale sull’indice Ftse Mib”. Britta Weidenbach, Dws

La Borsa italiana è tornata sui livelli del primo trimestre 2015 dopo aver recuperato più del 25% rispetto ai minimi registrati a giugno 2016. Quali sono le vostre aspettative per l’anno in corso e nel medio termine (3-5 anni)? Quali variabili ritenete siano in grado di alimentare il rialzo del listino nel medio termine?

Nell’ultimo anno il mercato azionario italiano è stato fortemente guidato dalla politica. Il premio di rischio è aumentato, quindi il mercato ha sottoperformato. Ormai questo sembra riflettersi nella valutazione dei titoli che vengono negoziati con uno sconto di circa il 20% rispetto al mercato azionario europeo e che potrebbero costituire un’opportunità. Sicuramente l’andamento dei risultati finanziari giocherà un ruolo importante sull’indice azionario italiano Ftse Mib. La decisione sul Tltro III potrebbe potenzialmente essere un vantaggio per il settore, ma certamente il contesto dei tassi di interesse giocherà in futuro un ruolo importante per il loro rendimento e per la crescita degli utili. Per avere un periodo prolungato di sovraperformance delle azioni italiane rispetto al resto dell’Europa, occorrono riforme strutturali – come detto pubblicamente da molti anni.

Quali sono le vostre scelte in termini di asset allocation? Rispetto a quali settori o tipologie di azioni mantenete un sovrappeso all’interno del vostro portafoglio?

Le società più interessanti nell’universo azionario italiano sono quelle con un’impronta globale, un’elevata stabilità degli utili, con una leadership nel mercato globale e un solido bilancio. Con ciò, una dipendenza dall’economia italiana limitata. Possiamo trovare molte imprese di questo genere sia nel settore consumer sia in quello industriale. Pertanto, nel tempo questi due settori dovrebbero continuare a sovraperformare il mercato azionario italiano.