Advertisement

Mercato high yield scandinavo offre premi di liquidità adeguati

Mercato high yield scandinavo offre premi di liquidità adeguati

Fabrizio Biondo, portfolio manager Lemanik Active Short Term Credit, risponde alle domande di Fondi&Sicav sui fondi obbligazionari globali

lemaniklogo

"Il mercato corporate investment grade europeo  è poco appetibile", commenta Biondo, lemanik

“Il mercato corporate investment grade europeo  è poco appetibile”, commenta Biondo, lemanik

I rendimenti di molti segmenti obbligazionari si sono mossi al rialzo negli ultimi mesi. Credete che gli attuali livelli rappresentino un’opportunità d’ingresso o che sia ancora troppo presto per incrementare alcune posizioni?

Non è possibile esprimere un giudizio univoco sull’evoluzione di un mondo così ampio e composito come quello dell’obbligazionario a livello globale. Occorre innanzitutto distinguere tra il mondo dei paesi sviluppati e quello dei paesi emergenti, e nel primo tra obbligazioni governative e obbligazioni societarie. Per quanto riguarda le prime, il mercato resta prevalentemente orientato verso una deriva rialzista dei tassi d’interesse indotta da consolidamento della crescita, aumento dell’inflazione e rimozione dello stimolo quantitativo. Personalmente ritengo invece che l’economia globale stia dando segnali di rallentamento, in particolare l’economia americana, le cui dinamiche di credito privato appaiono di nuovo insostenibili. Di conseguenza rendimenti tra il 3% e il 3,5% negli Stati Uniti appaiono attraenti, anche in vista del forte appiattimento della curva. Al contrario, e per analoghe motivazioni, le obbligazioni societarie dei paesi sviluppati non offrono in generale un punto d’entrata allettante, avendo registrato solo un modesto aggiustamento delle valutazioni, che in ottica storica non appare di grande significatività. Per effetto del regime di bassa volatilità azionaria e obbligazionaria, politiche macro-economiche compiacenti e dinamiche fallimentari fisiologiche, il comparto societario medio-lungo termine dei paesi sviluppati resta in un territorio di sostanziale sopravvalutazione, almeno a livello di rendimenti complessivi.

In quali tipologie di obbligazioni ritenete ci possa essere del valore e quali sono ancora da evitare perché caratterizzate da un rapporto rischio/rendimento poco conveniente?

Ritengo che i recenti ribassi abbiano creato valore in alcune nicchie del mercato emergente, sia sovrano sia corporate. In alcuni paesi fortemente colpiti dalla volatilità delle settimane passate si sono generate interessanti opportunità da cogliere sia sul fronte del debito estero sia su quello del debito in valuta locale, in particolare nel segmento a breve delle curve. Sempre sul segmento a breve continuo a trovare molte idee interessanti sul mercato Hy scandinavo, che offre premi di liquidità adeguati e non distorti come in Europa e negli Stati Uniti. Il mercato Hy americano resta invece totalmente digitale: la qualità rende pochissimo, e ciò che rende è spesso molto speculativo. E’ il mercato che mi piace meno, essendo molto più avanti di quello europeo nel ciclo e quindi più esposto sul fronte dei rischi di credito. Il mercato corporate investment grade europeo ha registrato un significativo aumento dello spread medio ponderato, ma il suo rendimento complessivo resta vicino all’1%, di conseguenza poco appetibile. Al contrario il mercato IG americano con un rating equivalente a quello europeo (A3) ha un rendimento interessante (>4%) per chi è intenzionato ad assumere il rischio cambio.

 

Stefania Basso

Laureata all'Università Statale di Milano, dal 2006 collaboro con Fondi&Sicav. Precedentemente ho lavorato presso Lob Media Relations occupandomi di ufficio stampa per alcune realtà finanziarie estere. Esperienza decennale nel settore del risparmio gestito come marketing manager presso Franklin Templeton Investments e J.P. Morgan Fleming AM a Milano e a Lussemburgo. In tutto il mio percorso professionale ho lavorato a stretto contatto con persone provenienti da diverse parti del mondo, che mi hanno permesso di avere un approccio dinamico e stimolante e di apprendere attraverso il confronto con realtà differenti.

Dallo stesso autore