Advertisement

Nuovi investitori per il mercato azionario cinese

Nuovi investitori per il mercato azionario cinese

Nuovi investitori per il mercato azionario cinese. A giugno MSCI inizia a inserire le azioni A cinesi in alcuni degli indici più importanti. La view del team di Raiffeisen

Molti investitori attendono con ansia l’inizio di giugno, perché MSCI inserirà per la prima volta ben 230 azioni cinesi quotate sul continente (azioni A) nel suo indice globale degli Emerging Markets e nel suo indice mondiale.
Secondo il team di Raiffeisen, ciò potrebbe dare luogo a ulteriori flussi di capitali verso queste azioni da parte di investitori stranieri che orientano molto i propri portafogli in base a questi indici.

MSCI inserirà le azioni cinesi in maniera limitata, per poi aumentarne gradualmente il peso in futuro. Il team stima che entro la fine dell’anno le azioni A dovrebbero rappresentare lo 0,7% dell’indice MSCI EM; fino alla fine del processo la loro quota potrebbe aumentare al 18% circa. Insieme alle azioni H (le azioni cinesi scambiate a Hong Kong) già rappresentate nell’indice, le società cinesi potrebbero costituire infine oltre il 40% dell’intero indice MSCI nell’arco dei prossimi anni.

Raiffeisen ritiene che questo è dunque uno sviluppo molto significativo che, da un lato, dovrebbe far aumentare notevolmente l’interesse degli investitori per le azioni cinesi e, dall’altro, potrebbe contribuire a promuovere lo sviluppo dei mercati finanziari cinesi e liberalizzare e facilitare la circolazione dei capitali. In fondo, sono state anche le severe restrizioni alla circolazione dei capitali a scoraggiare MSCI a inserire prima le azioni A cinesi nell’indice.
Allo stesso tempo MSCI ha avvertito gli investitori delle sfide persistenti legate a questa asset class, come ad esempio, le forti oscillazioni e i rischi in materia di corporate governance.

Rocki Gialanella

Laurea in Economia internazionale presso l’Università degli Studi di Napoli ‘Federico II’. Ho abbracciato il progetto FondiOnline.it nel 2001 e da allora mi sono dedicato allo sviluppo/raggiungimento del target che ci eravamo prefissati: dare vita a un’offerta informativa economico-finanziaria dal linguaggio semplice e diretto e dai contenuti liberi e indipendenti. La storia continua con FONDI&SICAV.

Dallo stesso autore