Advertisement

Trend mensile degli Etf nel mercato europeo

Trend mensile degli Etf nel mercato europeo

Nel mese di marzo gli afflussi nel mercato Etf del Vecchio Continente registrano un forte rallentamento. L’analisi di Lyxor

A marzo, gli afflussi nel mercato europeo degli Etf hanno registrato un brusco rallentamento. La raccolta netta di nuovi capitali è scesa a 992 milioni di euro (rispetto ai 7,9 miliardi di febbraio). Gli Etf azionari hanno attratto la maggior parte degli investimenti (1,3 miliardi di euro), mentre il reddito fisso ha registrato il primo mese negativo dalla fine del 2016 (-334 milioni di euro).

Pur avendo ampiamente superato il reddito fisso, l’azionario ha accusato una certa debolezza. I flussi verso l’azionario statunitense hanno subito un rallentamento, dando comunque prova di una buona tenuta (+1,4 miliardi di euro). I flussi verso l’azionario giapponese hanno registrato un’inversione, ma comunque nel contesto del miglior inizio d’anno di sempre. Gli Etf azionari europei (-2 miliardi di euro) sono stati i più colpiti dai deflussi. L’azionario mercati emergenti ha raccolto 1,4 miliardi di euro, quello globale ha evidenziato un significativo rimbalzo (+596 milioni di euro). Le materie prime sono rimaste sostanzialmente invariate (+ 38 milioni di euro).

A marzo, i flussi verso il reddito fisso hanno virato in negativo, soprattutto gli Etf su credito Investment Grade, che hanno patito il mese peggiore di sempre (-1,2 miliardi di euro). Anche le obbligazioni indicizzate all’inflazione hanno perso terreno. I risultati sono stati più favorevoli per i Titoli di Stato dei mercati sviluppati (+1,6 miliardi di euro), nonostante il rallentamento dei flussi verso le obbligazioni governative europee.

Dallo stesso autore