Advertisement

Turchia, affonda la lira

Turchia, affonda la lira

Giornata nera per la valuta turca, che stamattina ha toccato il suo minimo storico nei confronti del dollaro Usa, arrivando a perdere fino al 13,5%.

Riportiamo il commento di Salman Ahmed, chief investment strategist e  Jamie Salt, analyst di Lombard Odier IM sullo scenario macroeconomico attuale.

Secondo gli analisti della banca svizzera le sanzioni imposte dagli Stati Uniti hanno inasprito la crisi macroeconomica turca, con il Paese che si trova ad affrontare una pesante svalutazione monetaria con conseguenti pressioni inflazionistiche.

«La nostra opinione sulla Turchia è negativa dall’inizio dell’anno: quando, cioè, il mancato intervento della Banca centrale della Repubblica di Turchia (CBRT), dinanzi al surriscaldamento dell’economia alimentato dal debito, ha iniziato ad esercitare pressioni al ribasso sulla lira turca e sugli asset associati».

«Alla fine di gennaio, la lira turca scambiava a 3,75 contro il dollaro, mentre l’inflazione si attestava al 10,35%: oltre il doppio dell’obiettivo a lungo termine del 5% fissato dalla Banca centrale. Il rincaro dei prezzi del petrolio ha aggravato le pressioni inflazionistiche e il disavanzo delle partite correnti. L’inflazione Ipc si attesta ora al 15% e l’Ipp al 25%, mentre i rendimenti sovrani a 10 anni hanno toccato per la prima volta quota 20%».

«Ora la lira si è deprezzata di circa il 40% nei confronti del dollaro Usa, e nei prossimi mesi le attuali tendenze vedranno probabilmente la lira diventare la moneta dei mercati emergenti con la peggior performance da inizio anno».

«Quest’ultimo periodo di sentiment negativo è in parte dovuto alla riluttanza della Banca centrale turca ad impegnarsi in un continuo inasprimento monetario sotto l’occhio vigile di Erdogan. I commenti della scorsa settimana da parte del Ministro delle finanze Albayrak sembravano infatti confermare il programma di contenimento dei tassi di interesse».

«La situazione è precipitata la scorsa settimana quando gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni contro due ministri turchi, come ritorsione per la detenzione di un pastore statunitense. Sebbene le recenti notizie indichino l’imminente raggiungimento di un accordo, la situazione rimane instabile».

«Ora sembra necessario un aiuto esterno che potrebbe arrivare sotto forma di sostegno da parte dell’Fmi, ma ciò richiederebbe un cambiamento sostanziale verso politiche più sostenibili. La prospettiva di controlli dei capitali appare ora una possibilità concreta».

 Conseguenze sugli investimenti

«Prevediamo che il perdurare di tale politica di inattività possa continuare ad esercitare pressioni al ribasso sulla lira turca e sugli asset associati. La natura convulsa degli eventi sta causando una sotto-performance degli asset turchi rispetto ad altri mercati emergenti. Il settore finanziario turco appare particolarmente vulnerabile alla luce dell’incombente necessità di rifinanziamento e delle ingenti passività in valuta estera delle imprese turche».

«Riteniamo che la Turchia dovrebbe rivolgersi all’Fmi o cercare un altro sostegno esterno. In caso contrario, le misure di controllo di capitale sembrano essere l’unica possibilità».

Paola Sacerdote

Nata a Milano ma cresciuta a Ivrea, patria del sogno olivettiano di cui ho visto il triste tramonto, ho studiato Scienze Politiche all'Università degli Studi di Milano. Dopo una esperienza nel mondo della finanza come consulente, oggi collaboro a tempo pieno con il gruppo FONDI&SICAV.

Dallo stesso autore