La Bce e la discussione di dettagli

Dopo aver approvato un ampio pacchetto di misure durante l’ultimo incontro il Consiglio della Banca centrale europea (Bce) oggi si riunirà per affrontare alcune questioni insolute riguardo all’acquisto di corporate bond. Gli ultimi risultati dei previsori della Bce (Survey of professional forecasters) potrebbero inoltre giocare un ruolo chiave durante la riunione del Consiglio. Il commento di Commerzbank

Con le misure implementate a marzo la Bce voleva fugare i dubbi tra gli investitori, le aziende e i consumatori circa il raggiungimento dell’obiettivo di inflazione intorno al 2%. Ma nelle ultime settimane tali propositi non sono stati raggiunti. Le aspettative sull’inflazione a lungo termine basate sul mercato rimangono vicine ai minimi storici. Le aspettative sull’inflazione per i prossimi cinque anni, calcolate con gli swap sul tasso di inflazione, hanno registrato recentemente +1,4%, più di ¼ di punto percentuale in meno rispetto alla fine del 2015.

I timori dei membri del Consiglio della Bce aumenteranno se gli ultimi risultati dei previsori della Bce confermassero tale perdita di fiducia. Gli esperti di Commerzbank non prevedono interventi ulteriori nella seduta di oggi. Jan Smets, membro del Consiglio della Bce che aveva fortemente sostenuto l’intervento della Banca centrale negli ultimi mesi, ha dichiarato che è necessario in questo momento attendere i risultati delle misure implementate lo scorso mese.

Secondo Praet, capo economista della Banca centrale europea, la Bce vorrebbe ottenere un forte impatto sull’economia reale con l’acquisto di obbligazioni societarie. Questo significa che l’acquisto sarà limitato alle aziende non finanziarie. Tuttavia, in un’altra occasione Praet aveva menzionato anche il settore delle assicurazioni. Ciò significa che il dibattito in seno al Consiglio non si è ancora concluso. Per mitigare le distorsioni dei prezzi, la Bce potrebbe utilizzare un indice per i corporare bond (che Praet non ha specificato in dettaglio) come parametro per gli acquisti. Secondo i membri del Consiglio il mercato delle obbligazioni societarie idonee per la Bce non è né particolarmente liquido e neppure così ampio, quindi il volume di acquisto mensile sarà pari a solo 3 miliardi di euro circa e la banca centrale non acquisterà solo sul mercato secondario, ma anche sul mercato primario.

Stefania Basso
Laureata all'Università Statale di Milano, dal 2006 collaboro con Fondi&Sicav. Lunga esperienza nel settore del risparmio gestito come marketing manager presso Franklin Templeton Investments e J.P. Morgan Fleming Am a Milano e a Lussemburgo. Breve esperienza presso Lob Media Relations come ufficio stampa per alcune realtà finanziarie estere. In tutto il mio percorso professionale ho lavorato a stretto contatto con persone provenienti da diverse parti del mondo, che mi hanno permesso di avere un approccio dinamico e stimolante e di apprendere attraverso il confronto con realtà differenti.
Advertisement