Home Copertina AcomeA SGR: “Positivi su Brasile, Sud Africa e Russia”

AcomeA SGR: “Positivi su Brasile, Sud Africa e Russia”

0
AcomeA SGR: “Positivi su Brasile, Sud Africa e Russia”

Intervista a Piero Cingari, Junior Strategist AcomeA SGR

Credete che l’attuale rendimento cedolare offerto dalle obbligazioni emergenti sia in grado di compensare i rischi che un investitore si accolla con la sottoscrizione di strumenti dedicati a questi bond?
Piero Cingari

L’ondata di liquidità globale che ha investito i mercati finanziari a partire dalla crisi finanziaria del 2009 e in seguito alla crisi del Covid-19 ha determinato l’abbassamento dei rendimenti obbligazionari globali, sia nei Paesi sviluppati sia nei mercati emergenti.

Se si guarda allo spread che oggi mostra l’indice di riferimento delle obbligazioni emergenti in dollari, il suo livello è molto vicino ai minimi post crisi 2009. In generale, dunque, le valutazioni sul mercato debito in hard currency emergente ci sembrano complessivamente abbastanza strette.

Per compensare meglio i rischi è opportuno ampliare il raggio d’azione al di fuori del tradizionale radar del mercato, approfondendo singole storie di crediti sovrani o quasi-sovrani emergenti che presentano ancora tassi di rendimento molto attraenti.

Un’altra area del mercato che potrebbe a nostro avviso compensare i rischi è quella delle obbligazioni in valuta locale di grandi economie emergenti, a patto di tollerare l’intrinseca volatilità di questo mercato.

In questa fase di mercato, quali em bond (per Paesi, affidabilità creditizia, valuta) ritenete opportuno sovrapesare nei vostri portafogli e quali sottopesare?

In una fase in cui i rischi legati alla crescita dell’inflazione e dei tassi US rimangono ancora in essere, preferiamo evitare di assumere esposizione verso bond emergenti dai bassi rendimenti. E, al contrario, sovrapesare alcune storie che a nostro avviso offrono un cuscinetto di rendimento più ampio.

L’investimento in mercati a spread o tassi di rendimento più elevati è dettato principalmente dalla presenza di fattori domestici e idiosincratici che mostrano un peso specifico maggiore rispetto a fattori macro di portata globale.

Preferiamo dunque sovrapesare mercati emergenti locali come Brasile, Sud Africa e Russia per la presenza di rendimenti a scadenza consistenti nella parte lunga delle curve.

Per quanto riguarda le obbligazioni espresse in valuta forte, i sovrapesi si concentrano su emissioni di emittenti quasi-sovrani che godono di ampio supporto di liquidità dai governi di Messico e Sud Africa. Mostriamo inoltre esposizioni marginali su alcune storie corporate del mercato real estate cinese e sull’Argentina, che a nostro avviso mostra ribassi contenuti a fronte di ipotetici rialzi rilevanti, qualora il governo riuscisse a conseguire un nuovo programma con il FMI.

Previous article Orient Express
Next article Monte delle Vigne, colli di Parma DOC
Laureata all'Università Statale di Milano, dal 2006 collaboro con Fondi&Sicav. Lunga esperienza nel settore del risparmio gestito come marketing manager presso Franklin Templeton Investments e J.P. Morgan Fleming Am a Milano e a Lussemburgo. Breve esperienza presso Lob Media Relations come ufficio stampa per alcune realtà finanziarie estere. In tutto il mio percorso professionale ho lavorato a stretto contatto con persone provenienti da diverse parti del mondo, che mi hanno permesso di avere un approccio dinamico e stimolante e di apprendere attraverso il confronto con realtà differenti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito utilizza i cookies.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.