La Chef stellata Viviana Varese si evolve in Viva

Il ristorante Alice di Milano, dopo 12 anni, diventa Viva.

VIVA – Il Manifesto La fiamma brucia.
E’ stupore e colore.
E’ idea e sentimento.
Gioia di creare e fame di fare.
Al sembrare preferisco l’essere.
Audace, speciale, ribelle.
Anticonformista, entusiasta, reale.
Essere. VIVA.

VIVA, il nuovo nome, è l’acronimo del nome e cognome della Chef stellata Viviana Varese. VIVA è materia per l’appunto viva, è colore, è vita.

Il nuovo interior è stato studiato personalmente da Viviana Varese rafforzando i temi che da sempre sono il manifesto sia della sua cucina che della sua vita, curando con cura anche il più piccolo dettaglio. L’iridiscenza di cui il blu è la sua emanazione è il fil rouge del nuovo concept e racconta i valori del ristorante in un  ambiente dal design ricercato.
Per la Chef stellata servono tutti i colori per celebrare le diversità del mondo e le sue sfumature, come le stagioni, come i piatti, come le persone, come le idee.

VIVA Credit@ Sonia Marin
VIVA Credit@ Sonia Marin

Il suo grande amico ed artista Marco Nereo Rotelli ha composto per lei VIVA, formata da piccole opere 20×20 cm, sui toni del blu e riporta i valori di Viviana, come colore, entusiasmo, inclusione, condivisione e vita.

Sempre “vivo” il legno, ancora protagonista del nuovo ristorante, ai tavoli di Riva 1920, si affianca lo storico social table in legno KAURI di circa 30.240 anni, simbolo di nuova vita e ritorno alla luce, disegnato da Renzo e Matteo Piano.

La Luce è protagonista grazie alle luci luci Discovery di Artemide (premio Compasso D’Oro
e RedDot Design Award 2017) e Mandalaki studio con l’innovativa luce Halo Sky che crea zone accoglienti d’atmosfera.

Knoll per gli arredi, Giò Ponti per le posate mentre la cucina a vista è un pezzo unico disegnato da Molteni. Ogni oggetto per Viviana Varese è unico. Con la giovane designer Gala Rotelli – che si ispira da sempre per le sue collezioni alla poesia delle piccole cose e alla natura – Viviana ha creato una serie di vasi di varie dimensioni e colori che ricordano veri e propri sassi, in vetro soffiato di Murano realizzati dalla storica vetreria artistica Massimiliano Schiavon. L’arte dunque è nutrimento e cibo dell’anima. L’arte è energia e creazione, come la cucina.

La Chef, che da sempre crede nei giovani, è fondamentale la continua ricerca di nuovi talenti che possano affiancarla, e infatti a riconfermare questo, oltre a la sous chef e capo pasticciera Ida Brenna e il sous chef Matteo Carnaghi – che da tempo seguono Viviana – la Chef ha deciso di affidare la Sala a due giovani talenti: il Direttore di sala Luis Diaz, eletto il miglior giovane Maitre d’Italia nel 2017 dal concorso emergente Sala e Gianluca De Marco, 2° Maitre di sala.

A raccontare al meglio la prestigiosa carta dei vini, ampliata fino a 700 etichette, oltre a 50 selezionate referenze di champagne, troviamo la giovane Sommelier Federica Radice. Dietro il nuovo Cocktail Bar, la giovane talentosa bar tender  Jessica Rocchi.

A sottolineare ulteriormente la sua filosofia, la Chef afferma

“E’ la terra che sceglie e decide. Seguiamo il suo umore e la sua potenza con rispetto, gioia e gratitudine”

menù autunno credit Serena Serrani e Francesca Brambilla
menù autunno credit Serena Serrani e Francesca Brambilla

 

Viviana infatti, insieme a Claudio Mori amplia a due serre e due campi biologici nel parco sud il suo orto sperimentale, dove crescono semi antichi e rari oltre i normali semi bio. Mentre con Davide Caremi Viviana si appassiona alle erbe, che vengono dal suo foraging.
Nella cucina di Viviana continua la forte presenza dei presidi Slow Food – che daranno una garanzia maggiore sui prodotti, sani, giusti e puliti. Il fine pasto diventerà un momento importante per VIVA. Il caffè, il tè e le tisane vivono di luce propria, sarà un vero e proprio rituale per appassionati e non in un’atmosfera conviviale e coinvolgente.

Un incontro speciale quello tra VIVA ed Illy, una miscela di intenti che ha dato vita ad un blend 100% arabica proveniente da 5 diversi paesi, Etiopia, Brasile, Colombia, Ruanda e India.

VIVA è Viviana Varese. Lo spazio, i piatti, l’atmosfera raccontano il
suo percorso fatto di slanci ed equilibri, di dedizione e passione, di movimento e sostanza.
Perché Viviana Varese è audace, reale, entusiasta.

VIVA
piazza 25 Aprile, 10
20121 Milano
vivavivianavarese.it

Advertisement