Arriva il primo Etf europeo sui bond a tasso variabile

Amundi lancia su Borsa Italiana due nuovi ETF: il primo ETF in Europa che replica un indice sulle obbligazioni a tasso variabile e il primo ETF in Italia sul nuovo indice giapponese JPX-Nikkei 400

Amundi ha avviato la quotazione su Borsa Italiana di due nuovi ETF: AMUNDI ETF FLOATING RATE EURO CORPORATE 1-3 UCITS ETF e AMUNDI ETF JPX-NIKKEI 400 UCITS ETF-EUR, due prodotti unici in Italia su tematiche di grande attualità. AMUNDI ETF FLOATING RATE EURO CORPORATE 1-3 UCITS ETF, è l’unico prodotto in Europa , a fornire un’esposizione alle obbligazioni a tasso variabile. Replica nel modo più accurato possibile la performance dell’indice Markit iBoxx EUR FRN IG 1-32 (total return), dividendi netti reinvestiti, cosi come calcolato e pubblicato dell’index provider Markit Indices Limited. Le obbligazioni selezionate dall’indice sono corporate bond investment grade a tasso variabile denominate in Euro e con una scadenza di 1-3 anni. Con tassi di interesse ai minimi storici, questo ETF innovativo offre una soluzione per tutelare il portafoglio investito dai movimenti al rialzo dei tassi. Con una cedola che varia in base all’andamento dei tassi di interesse, le obbligazioni a tasso variabile beneficiano di una bassa sensibilità al prezzo e di rendimenti impattati meno negativamente dall’aumento dei tassi rispetto alle obbligazioni a tasso fisso. AMUNDI ETF FLOATING RATE EURO CORPORATE 1-3 UCITS ETF è proposto con un TER3 di solo 0,18%.

AMUNDI ETF JPX-NIKKEI 400 UCITS ETF-EUR replica l’indice JPX-Nikkei 400 Total Net Return Index4 . Questo ETF è offerto con un TER3 dello 0,18%, il più basso sul mercato per questa tipologia di esposizione5 . Il JPX-Nikkei 400 è un indice altamente innovativo che comprende società giapponesi quotate sia large sia mid cap, selezionate in termini di best practice sia per la governance sia per la creazione di valore per gli investitori. Le società comprese nell’indice sono selezionate secondo criteri quantitativi e qualitativi4 : la media di ROE (Return on Equity) negli ultimi tre anni, gli utili cumulati degli ultimi tre anni, la capitalizzazione dimercato e la corporate governance. Nell’interesse degli investitori, l’indice ha l’obiettivo di aiutare a migliorare l’efficienza nel capitale delle società giapponesi e promuovere la trasparenza. L’indice è già stato adottato dalla Bank of Japan e dal fondo pensione pubblico GPIF (Government Pension Investment Fund) come riferimento all’interno della loro asset allocation sui fondi indicizzati.