Aspettando il Natale

Gli investitori sperano in un “rally natalizio”. I timori di recessione hanno lasciato il posto al timore di lasciarsi sfuggire eventuali opportunità, e i livelli di liquidità sono scesi ai minimi da 77 mesi. Allianz GI

Un recente sondaggio tra i gestori dei fondi rivela che l’ottimismo circa le prospettive per l’economia globale sta crescendo al ritmo più sostenuto da 25 anni a questa parte.

Tale trend non sorprende. Il periodo natalizio è di norma favorevole. Le azioni hanno registrato rialzi in oltre due terzi di tutti i mesi di dicembre dal 1969 in avanti, con l’avvicinarsi della fine dell’anno e delle chiusure dei bilanci. Tuttavia, con l’inizio delle festività, una certa prudenza potrebbe rivelarsi opportuna.

Occorre tenere a mente che i rialzi del 2019 non si devono a rapidi miglioramenti dei fondamentali societari. Al contrario, dai minimi del 24 dicembre 2018, mentre l’indice S&P 500 è salito del 32% circa, i profitti di appena il 2%. Di conseguenza, nel complesso le valutazioni azionarie sono aumentate molto, del 30% circa.

Al contempo, la crescita economica ha rallentato. Una qualche debolezza era attesa, dati l’affievolirsi degli stimoli fiscali negli USA e i problemi temporanei nella produzione di veicoli e aeroplani, ma la recente decelerazione è ascrivibile essenzialmente al conflitto commerciale. L’aumento del rischio di recessione negli USA ha infatti coinciso con l’aumento dell’incertezza circa la politica commerciale (cfr. Grafico della Settimana).

È la prima volta che succede. In passato la politica commerciale è stata così incerta solo nel 1994, in occasione dell’annuncio del NAFTA. Tuttavia, l’incertezza legata al NAFTA ha rappresentato uno shock positivo, poiché la riduzione dei dazi ha dato slancio alla crescita negli USA, in Canada e in Messico. Ora invece siamo in presenza di uno shock negativo: l’incertezza infatti intacca gli investimenti tecnici e frena gli scambi a livello mondiale.

Ciò suggerisce che il maggiore ottimismo dei gestori sia legato alle attese che un accordo commerciale tra USA e Cina possa ridurre l’incertezza che pesa sull’economia globale. Resta da vedere se gli Stati Uniti minacceranno di imporre dazi anche dopo la stipula di un accordo, come avvenuto di recente con Messico, Argentina e Brasile.

Gli appuntamenti della settimana

Nel corso della settimana saranno pubblicati numerosi indicatori che in molti casi, secondo le stime di consensus, dovrebbero segnalare una stabilizzazione o un miglioramento delle condizioni economiche. Lunedì saranno resi noti i dati su vendite al dettaglio, produzione industriale e investimenti tecnici in Cina, per i quali è prevista un’inversione positiva. Inoltre, gli indici dei responsabili degli acquisti (PMI) di Area Euro, Germania, Francia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti riveleranno se la produzione manifatturiera globale è prossima a un rimbalzo. Il settore manifatturiero, vittima del conflitto commerciale, ha evidenziato una contrazione per gran parte del 2019, ma di recente ha mostrato modesti progressi.

Verso metà settimana l’attenzione si concentrerà sul Regno Unito – sull’orlo di una recessione nello scorso trimestre e ancora alle prese con la spinosa questione della Brexit – poiché verranno diffusi i dati su mercato del lavoro, inflazione, prezzi delle abitazioni e vendite al dettaglio. Giovedì la Bank of England e la Bank of Japan daranno indicazioni circa la politica monetaria: la prima dovrebbe mantenere i tassi invariati, mentre la seconda dovrebbe farli scendere in territorio ancor più negativo.

Martedì e giovedì gli occhi saranno puntati sugli USA. È attesa una lieve decelerazione del mercato residenziale, con una flessione di aperture di nuovi cantieri, permessi di costruzione e rivendita di abitazioni. D’altro canto, dopo due mesi di contrazione, la produzione industriale dovrebbe tornare a crescere e gli indicatori anticipatori dovrebbero evidenziare un rialzo dopo tre mesi consecutivi in calo. Giovedì sera si terrà il sesto dibattito tra i candidati democratici alla presidenza USA; al momento Joe Biden, Elizabeth Warren e Bernie Sanders sono in testa nei sondaggi.

 

Active is: capire il contesto tecnico

Malgrado le numerose fonti di incertezza, il contesto tecnico giustifica tuttora un sovrappeso nelle azioni. La solidità del mercato è messa in luce dalla debolezza del recente consolidamento e dai nuovi afflussi di capitali. Vi sono numerose posizioni “short volatility“, ma i mercati creditizi non evidenziano uno stress eccessivo.

Advertisement