Assoreti conferma solidi risultati per il primo semestre

Secondo Assoreti, nel primo semestre dell’anno le Reti di consulenti finanziari realizzano una raccolta netta pari a 24,6 miliardi di euro, con una flessione del 14,5% rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente. Il 60,7% della raccolta coinvolge la componente amministrata del portafoglio con 14,9 miliardi (+91,5% a/a).

I prodotti finanziari del comparto registrano, nel loro insieme, flussi netti più che triplicati (+252% a/a) e pari a 10,2 miliardi di euro, mentre la liquidità, positiva per 4,7 miliardi, diminuisce del 3,8% a/a.

Gli investimenti netti sul comparto del risparmio gestito si confermano positivi e pari a 9,7 miliardi di euro, seppure in flessione (-53,9% a/a).


Le Reti consolidano, comunque, il proprio ruolo di riferimento per l’industria del risparmio gestito; nei primi sei mesi dell’anno, infatti, i consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede canalizzano, attraverso la distribuzione diretta e indiretta di quote, il 70,6% della raccolta netta realizzata dall’intero sistema degli Oicr aperti.

Nella prima metà dell’anno aumenta il numero di clienti seguiti dai consulenti finanziari abilitati all’offerta fuori sede, ora pari a quasi 4,9 milioni (+2,6% a/a); sono circa 152 mila i nuovi clienti delle Reti (v. Rapporto trimestrale – L’attività delle reti di consulenti finanziari abilitata
all’offerta fuori sede).

I volumi di attività del primo semestre si confermano su livelli particolarmente significativi e solidi. Sempre più italiani decidono di affidarsi alle nostre Associate” dichiara Paolo Molesini, Presidente dell’Associazione.

La distribuzione diretta di quote di Oicr aperti si traduce in sottoscrizioni nette pari a circa 1,3 miliardi di euro (-83,9% a/a). Si conferma la preferenza per i fondi azionari sui quali confluiscono risorse nette per 5 miliardi; saldo positivo anche per i bilanciati (589 milioni)
ed i flessibili (351 milioni), mentre sui fondi obbligazionari si riscontra la prevalenza delle uscite (-4,7 miliardi).


Bilancio positivo ed in crescita per i fondi chiusi mobiliari; la raccolta si attesta a 512 milioni di euro (+6,2% a/a).

Le gestioni individuali registrano una raccolta netta pari a 2,1 miliardi di euro (-44,7% a/a); la flessione coinvolge esclusivamente le Gpf (-60,4% a/a), mentre il bilancio delle Gpm risulta quintuplicato.

Il flusso netto di risorse indirizzato sul comparto assicurativo/ previdenziale è pari a 5,8 miliardi (-34,7% a/a) e si concentra sulle unit linked (3 miliardi) e sulle polizze multiramo (2,6 miliardi).

Le risorse nette destinate ai prodotti finanziari amministrati sono indirizzate
principalmente su titoli azionari (2,9 miliardi), titoli di Stato (3,2 miliardi), obbligazioni (1,6 miliardi) e certificate (1,2 miliardi).