Banca Mondiale, emissione obbligazioni sviluppo sostenibile in Cny e Inr

Queste obbligazioni, offerte ad investitori italiani retail, sono un’opportunità per gli investitori di accostare i loro obbiettivi finanziari con quelli di sostenibilità sociale e ambientale

La Banca Mondiale (Banca Internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo, “Birs”, rating Aaa/AAA1) è lieta di annunciare l’emissione di due nuove obbligazioni per lo sviluppo sostenibile denominate in renminbi cinese (Cny) e Rupia Indiana (Inr). Queste obbligazioni, offerte ad investitori italiani retail, sono un’opportunità per gli investitori di accostare i loro obbiettivi finanziari con quelli di sostenibilità sociale e ambientale. Con questa emissione, la Banca Mondiale offre per la prima volta obbligazioni denominate in Inr e Cny rivolte agli investitori italiani retail, quotando le obbligazioni sul mercato EuroMOT di Borsa Italiana.

La Banca Mondiale si finanzia attraverso l’emissione di obbligazioni sul mercato dei capitali per sostenere progetti sostenibili nei paesi membri beneficiari. Questi progetti sono finalizzati alla riduzione della povertà e allo sviluppo di diversi settori quali, ad esempio, istruzione, sanità, agricoltura e infrastrutture. Le obbligazioni per uno sviluppo sostenibile offrono agli investitori un’opportunità di supportare i paesi membri in questo impegno.

L’obbligazione in Cny corrisponde una cedola fissa annuale pari al 2,50% in Euro. Alla scadenza la Banca Mondiale rimborserà agli investitori il 100% del capitale nominale investito in Cny. Il pagamento a scadenza sarà regolato in Euro.

L’obbligazione in Inr corrisponde una cedola fissa annuale pari al 5,80% in Euro. Alla scadenza la Banca Mondiale rimborserà agli investitori il 100% del capitale nominale investito in Inr. Il pagamento a scadenza sarà regolato in Euro.

Entrambe le obbligazioni saranno quotate dal 22 Luglio 2016 sul mercato EuroMOT di Borsa Italiana e BNP Paribas agirà in qualità di Liquidity Provider.

“La nuova offerta della Banca Mondiale offre agli investitori italiani un facile accesso alle nostre obbligazioni per uno sviluppo sostenibile attraverso la quotazione sul mercato di Borsa Italiana. Tramite queste obbligazioni, gli investitori possono investire per il bene sociale e allo stesso tempo diversificare i loro investimenti. Supportano, inoltre, lo sviluppo dei mercati valutari locali.” ha detto Arunma Oteh, Vice President and Treasurer, World Bank.

 

Stefania Basso
Laureata all'Università Statale di Milano, dal 2006 collaboro con Fondi&Sicav. Lunga esperienza nel settore del risparmio gestito come marketing manager presso Franklin Templeton Investments e J.P. Morgan Fleming Am a Milano e a Lussemburgo. Breve esperienza presso Lob Media Relations come ufficio stampa per alcune realtà finanziarie estere. In tutto il mio percorso professionale ho lavorato a stretto contatto con persone provenienti da diverse parti del mondo, che mi hanno permesso di avere un approccio dinamico e stimolante e di apprendere attraverso il confronto con realtà differenti.
Advertisement