Lo yen spinge Tokyo al rialzo

Aggiornamento sui mercati e agenda macro a cura di UniCredit

La Borsa di Tokyo ha chiuso in rialzo stamane (Nikkei +0,31%), con l’ottimismo sull’indebolimento dello yen controbilanciato dalla performance della borsa statunitense. Al momento in rialzo anche Hong Kong, che guadagna lo 0,54%, mentre Shanghai lo 0,22%

Wall Street mista in chiusura ieri

Wall Street ha chiuso mista nella seduta di ieri, con il Dow Jones che ha perso terreno chiudendo a -0,16% , mentre il Nasdaq100 continua a viaggiare sui massimi e ha fatto segnare +0,06. Lo S&P500 ha chiuso a +0,11%. Con la stagione delle trimestrali ormai terminata, gli investitori sono in attesa di nuove indicazioni sulla salute dell’economia US, come il dato delle vendite al dettaglio di aprile, in arrivo domani. Dal punto di vista societario nella seduta di ieri Nvidia ha fatto segnare +17,83% dopo aver riportato un balzo negli utili trimestrali. Disney ha perso il 2,15% dopo risultati al di sotto delle aspettative. Male anche Snapchat che è crollata del 18% dopo che i risultati del 1Q2017 hanno deluso gli investitori.

Cambi: Eur/Usd

Eur/Usd in lieve rialzo a quota 1,087. Poco variati i principali rapporti di cambio, con il mercato che continua a prezzare un rialzo dei tassi Fed a giugno.

Petrolio Wti

Commodities: petrolio Wti in rialzo, scambiato a USD47,60 e sostenuto dalla discesa delle scorte Usa che hanno segnato una variazione negativa di 5,25 mln di barili, ben oltre le attese che si aspettavano un calo di 1,8mln di barili, e da un taglio oltre le attese della produzione saudita destinata all’Asia.

Obbligazionario

Il Bund future di giugno ha aperto questa mattina in rialzo di 30 tick a 160,3. Lo spread Btp/Bund 10y è in ribasso a quota 184 pts, con il rendimento del nostro decennale al 2,29%. In giornata il Tesoro offre 2-2,5 mld in Btp tre anni; 1,75-2,25 mld in Btp 7 anni, e complessivi 1,75-2,5 mld in Btp 30 anni. Attivi sul primario anche gli Stati Uniti.

Calendario Macro
Agenda macro di oggi che prevede in mattinata il dato della bilancia commerciale della Gran Bretagna per il mese di Marzo, prevista in miglioramento rispetto al dato di Febbraio, mentre nel pomeriggio è atteso il numero di richieste settimanali di sussidi di disoccupazione per gli Stati Uniti.

Advertisement