Home Lifestyle Conference call, quasi come essere lì

Conference call, quasi come essere lì

0
Conference call, quasi come essere lì

Videoconferenza a 180 gradi come il campo visivo dell’occhio. E la webcam lancia l’allarme per rischio contagio.

 

«Anche quando torneremo a viaggiare e a incontrarci di persona le videocall rimarranno un’abitudine irrinunciabile. In azienda ci saranno sale riunioni più piccole dove poche persone si collegheranno con altri collaboratori da remoto».  È il futuro prossimo del “lavoro collaborativo” descritto da Luca Barbarossa, product marketing manager di Jabra per l’area Sud Emea che parla delle nuove tecnologie. Grazie a esse incontrarsi in videocall sarà sempre più simile all’esperienza di chi si trova intorno alla stessa scrivania, gomito a gomito con il collega.

«Si dovrà sfruttare la flessibilità organizzativa che consente di lavorare in spazi non convenzionali, anche domestici», aggiunge Barbarossa. «Ma serviranno strumenti in grado di restituire immagini e voci come se si fosse in presenza. È questa la ragione per la quale abbiamo sviluppato una tecnologia esclusiva che riprende una sala riunioni a 180 gradi. Cioè, il campo visivo dell’occhio umano”.

Questa tecnologia si trova in una barra nera, lunga poco più di mezzo metro, che contiene tre videocamere, quattro altoparlanti e ben otto microfoni. Piazzata sotto uno schermo, consente a chi si collega da fuori, di partecipare a una riunione quasi come se fosse presente. E per certi versi con qualche vantaggio. Oltre ad avere una visione d’insieme, grazie alla visuale di 180 gradi, si può sentire la voce di chi parla isolata dai rumori circostanti. E vedere in faccia ogni partecipante senza essere distratto da ciò che gli succede intorno. L’apparecchio ha infatti una sorta di regia virtuale che individua la persona che sta parlando e la inquadra con un primo piano. Vengono eliminati anche i suoni e i rumori che provengono da altre fonti.

E, dato che siamo ancora in piena pandemia e le misure di sicurezza saranno in vigore a lungo, è stato inserito un sistema di allerta. Se le persone presenti non rispettano la distanza di sicurezza, il sistema calcola il numero di persone presenti e lo raffronta con lo spazio complessivo. Se sono troppe, manda una comunicazione al responsabile aziendale.

Il PanaCast 50 (così si chiama) può essere utilizzato con tutte le piattaforme di videoconferenza più diffuse, Zoom, Microsoft Teams, GoToWebinar.

Per ulteriori informazioni: www.jabra.com/panacast

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito utilizza i cookies.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.