ConsulenTia, record per i temi sostenibilità

Si è conclusa ieri la prima di tre tappe digitali del 2021 di ConsulenTia, l’evento ideato da Anasf, dedicata al futuro verde della finanza, con più di 1000 partecipanti connessi in streaming

Al convegno inaugurale Anasf sono intervenuti Francesco Bicciato, Segretario Forum Finanza Sostenibile, Maria Paola Chiesi, Shared Value & Sustainability Director del Gruppo Chiesi, Luigi Conte, Presidente Anasf e Nadia Linciano, Responsabile dell’Ufficio Studi Economici Consob. A moderare l’incontro Andrea Cabrini, Direttore Class CNBC.

Luigi Conte ha dichiarato in apertura del convegno “Soprattutto oggi che l’attenzione dei governi e in particolare di quello italiano guidato da Mario Draghi è rivolta alla necessità di lavorare insieme per la “transizione verde” nella prospettiva della prossima Conferenza delle Parti sul cambiamento climatico (Cop 26)”

La percezione ESG

Il punto di partenza è stata l’indagine mirroring di Consob, che confronta opinioni e conoscenze sui temi della finanza sostenibile dei consulenti finanziari e dei loro relativi clienti.

I professionisti del risparmio sono risultati i più attenti ai temi ambientali e di governance. Esiste tra i risparmiatori anche una percezione errata sui prodotti SRIs: per il 40% del campione sono più costosi e meno performanti dei prodotti tradizionali, mentre Il 50% riesce a proiettarsi in una situazione di medio-lungo termine.

“Per colmare i gap formativi dei risparmiatori sono molti i momenti in cui il cf può entrare in azione”, ha dichiarato Linciano, “a partire dalla valutazione di adeguatezza. Il professionista può svolgere infatti un ruolo attivo nella relazione con il cliente e nell’accrescimento delle competenze sugli investimenti sostenibili anche in sede precontrattuale, nella fase di definizione del portafoglio e in quella di monitoraggio. Ruolo che i clienti si aspettano, in più del 70% dei casi”.

Maria Paola Chiesiha ha affermato “La finanza interviene orientando le scelte degli investitori verso aziende sostenibili, può avere un ruolo chiave nel far acquisire consapevolezza alle imprese e svolge nei loro confronti un importante ruolo educativo e formativo. Infine, può fare da trade union tra sistemi diversi nella consapevolezza che per risolvere le tre grandi crisi -economica, ambientale e societaria- sia necessaria un’azione concertata tra tutte le parti sociali”.

La versione digitale dell’evento ha conservato l’alternanza di momenti di alta formazione a quelli di confronto con le società del risparmio. Ci sono stati spazi virtuali in cui i soci Anasf hanno potuto interagire in esclusiva con le società partner: BlackRock, Capital Group, Goldman Sachs Asset Management, J.P. Morgan Asset Management, Lombard Odier Investment Management, T.Rowe Price, Vontobel.