Matteo Maria Paglia, di Dbfa:«L’eccesso di cash per noi non è un problema»

0
3

Secondo Dbfa, i clienti che hanno una quantità eccessiva di liquidità sono pochi. Anche grazie a una precisa azione commerciale

La liquidità lasciata in un conto corrente bancario per un consulente è quasi una provocazione. E un professionista preparato fa di tutto perché la cifra depositata non superi i limiti fisiologici. Sulla stessa linea è anche, Matteo Maria Paglia, responsabile head office private advisory di Deutsche Bank Financial Advisors (Dbfa).«Sui conti dei clienti Dbfa la liquidità è un asset poco presente a controprova della capacità dei nostri consulenti di fare il loro lavoro. Negli ultimi mesi abbiamo senza dubbio notato un incremento delle giacenze. Ciò perché molti clienti hanno deciso di trasferire asset presso di noi. Ciò è avvenuto, oltre che per la professionalità dei nostri consulenti, anche per altri due fattori».

Di che cosa si tratta?

«In primis l’esecuzione disciplinata della strategia di trasformazione della banca in atto da qualche mese, che è stata, e rimane, un fattore chiave.  L’istituto ha infatti dimostrato una forte solidità patrimoniale. Standard & Poor’s ha aggiornato le sue prospettive sui rating di credito di Deutsche Bank da negativo a positivo. È il terzo aggiornamento consecutivo di una delle principali agenzie di rating in tre mesi, dopo le mosse simili di Moody’s e Fitch».

E il secondo fattore?
A tutto ciò abbiamo affiancato anche una campagna commerciale, “Investi con noi”, rivolta a clienti e prospect in vigore fino a fine giugno. Sono molti gli elementi che hanno attirato l’attenzione verso Deutsche Bank, facendoci così preferire rispetto ad altre banche».

Qual è la reazione del cliente di fronte a una proposta di diminuire la liquidità e passare a un investimento che può portare rendimento?

«L’individuazione e la proposizione di soluzioni d’investimento che rispecchino le reali esigenze dei clienti difficilmente vengono declinate. E, quando lo sono, tendenzialmente sono dettate da necessità degli investitori di avere liquidità a breve».

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here