Degroof Petercam Am: “Con selezione diretta singole azioni si estrae maggiore alpha”

Degroof Petercam Am, Koen Bosquet, fund manager European Equity, interviene all’inchiesta di Fondi&Sicav dedicata all’azionario europeo

Degroof Petercam

Degroof Petercam Koen Bosquet, " I mercati a volte reagiscono in modo eccessivo agli eventi politici".
Degroof Petercam, Koen Bosquet, ” I mercati a volte reagiscono in modo eccessivo agli eventi politici”.

A quale fase potrebbe andare incontro l’azionario europeo dopo le dimissioni di Theresa May e l’esito delle elezioni al Parlamento Europeo?

L‘esito delle elezioni europee non ha suscitato grandi sorprese, ma ha piuttosto confermato le tendenze di fondo delle precedenti elezioni nazionali e locali. Il sostegno ai partiti tradizionali sta gradualmente diminuendo. I partiti di destra e i partiti verdi si dividono le rispettive estremità dello spettro politico. L’immigrazione, il cambiamento climatico e la sostenibilità del sistema previdenziale continuano a guidare il comportamento degli elettori.
La conseguente frammentazione dei seggi parlamentari complicherà la formazione di una nuova leadership. È improbabile che vi sia chiarezza sulle future politiche europee prima che si definisca il percorso della Brexit, situazione che non si dipanerà prima dell’autunno. Allo stesso tempo, il bilancio italiano rimarrà un argomento all’ordine del giorno. Questo contesto ostacolerà tutti i mercati europei, e in particolare sarà controproducente per i settori nazionali come le banche. Solamente un accordo commerciale Usa-Cina potrebbe far tornare una maggiore propensione al rischio da parte degli investitori.

Guardando ai risultati delle elezioni europee nei singoli Paesi dell’area, quali Borse ritenete siano in grado di offrire le migliori opportunità nel medio termine?

A volte i mercati reagiscono in modo eccessivo agli eventi politici e ciò innesca vendite indiscriminate di titoli azionari, senza distinzione tra i Paesi.
Uno dei lati positivi dell’investimento attivo è che è possibile sfruttare queste dinamiche per acquistare titoli di società con modelli di business che hanno poco a che fare con l’ambiente politico interno, dato che esportano la maggior parte dei loro prodotti. Esempi passati sono stati la Ferrari in Italia o Grifols e Amadeus in Spagna.
Consapevolmente non svolgiamo un’allocazione geografica ex-ante con una prospettiva a medio termine, poiché riteniamo sia dalla selezione diretta delle singole azioni che si possa estrarre maggiore alpha. Notiamo che molte aziende, soprattutto quelle a media capitalizzazione, hanno cambiato il loro modello di business per beneficiare della crescita strutturale, rendendosi più resistenti al rallentamento dell’economia locale. Da questa prospettiva, una delle conseguenze di questa elezione sarà che la regolamentazione ambientale continuerà a essere in cima all’ordine del giorno. Ciò significa che, ad esempio, le aziende che aiutano a contrastare il cambiamento climatico, come Orsted o Neste, dovrebbero crescere significativamente, a prescindere dalla loro nazione di appartenenza.

Stefania Basso
Laureata all'Università Statale di Milano, dal 2006 collaboro con Fondi&Sicav. Lunga esperienza nel settore del risparmio gestito come marketing manager presso Franklin Templeton Investments e J.P. Morgan Fleming Am a Milano e a Lussemburgo. Breve esperienza presso Lob Media Relations come ufficio stampa per alcune realtà finanziarie estere. In tutto il mio percorso professionale ho lavorato a stretto contatto con persone provenienti da diverse parti del mondo, che mi hanno permesso di avere un approccio dinamico e stimolante e di apprendere attraverso il confronto con realtà differenti.
Advertisement