L’euro è in ribasso: ecco come approfittarne

Nizam Hamid, ETF strategist di WisdomTree, consiglia un paniere di titoli large cap, liquidi e orientati al settore delle esportazioni

Il recente calo dell’euro è avvenuto in tempi relativamente rapidi, con un ribasso vicino al 5% dopo il sorprendente risultato delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti. In realtà l’evento in sé è solo servito ad accelerare una tendenza, a nostro avviso, già evidente durante la maggior parte dell’anno. Il recente picco dell’euro contro il dollaro Usa è avvenuto agli inizi di maggio, quando la moneta unica si scambiava ad oltre 1,15Eur contro l’Usd, mentre oggi il cambio si attesta a 1,057Eur, una contrazione dell’8,38%. Le prospettive dell’euro sono inoltre avvolte da un clima d’incertezza politica, a causa del referendum in Italia nel dicembre 2016 e delle prossime elezioni in Francia e in Germania nel 2017.

Lo Europe Equity UCITS ETF (HEDF), un prodotto ETF UCITS di WisdomTree orientato al settore delle esportazioni, comprende imprese dell’Eurozona le cui entrate provengono per oltre il 50% dall’estero. Ci aspettiamo che queste aziende traggano vantaggio dalla debolezza dell’euro e dalla prevista ripresa della crescita economica in mercati come gli Stati Uniti. Nel periodo in cui l’euro è sceso dell’8,38%, l’indice replicato dal nostro ETF UCITS, il fondo HEDF, (ossia il WisdomTree Europe Equity Index) è salito del 4,02% sovraperformando il benchmark, l’MSCI EMU, in salita del 2,26%. Inoltre, il fondo HEDF ha sovraperformato l’Euro STOXX 50 in ascesa del 2,10%.

Con l’euro vicino alla parità con il dollaro Usa – che potenzialmente potrebbe anche superare- gli investitori europei potrebbero voler considerare un paniere di titoli large cap, liquidi e orientati al settore delle esportazioni. Il WisdomTree Europe Equity UCITS ETF, il fondo unhedged HEDF, offre un’esposizione di questo tipo. Gli investitori potrebbero anche essere interessati al WisdomTree Europe Equity UCITS ETF USD Hedged, una classe azionaria con copertura in Usd che propone agli investitori sia un’esposizione orientata ai titoli del settore esportazioni che una posizione lunga sul biglietto verde.

 

Advertisement