Giappone: Pil in declino dello 0,5%

In arrivo la lettura finale del Pil del primo trimestre dell’Eurozona, i dati sulla produzione industriale della Germania e sulle vendite al dettaglio dell’Italia. Aggiornamento sui mercati a cura di UniCredit

 

Borse europee miste
Apertura mista per le borse europee, con Piazza Affari che perde appena lo 0,10%. Misti i titoli bancari. In ribasso Snam, Moncler, Italgas, Enele e Saipem. In rialzo, invece, Ferrari, Stellantis, Iveco Group, CNH Industrial e Eni.

Borse asiatiche in rialzo
Azionariato asiatico positivo stamane con il Nikkei 225 della borsa di Tokyo in rialzo dell’1,04%, Hong Kong del 2,13%, Shanghai sale dello 0,58%, Seoul scende dello 0,01%, mentre Sidney guadagna lo 0,36%. Dopo un’altra seduta in positivo per Wall Street , la tendenza rialzista è stata confermata alla riapertura degli scambi sui mercati asiatici. Sullo sfondo rimangono comunque i timori per una recessione e per gli effetti della stretta monetaria da parte delle banche centrali sulla ripresa economica globale e sui rischi di stagflazione. Anche la Reserve Bank of India (Rbi) ha aumentato nuovamente i tassi d’interesse repo di 50 punti base al 4,90% dopo averli alzati a sorpresa di 40 punti base in un meeting non programmato di inizio maggio.

Wall Street in rialzo
La Borsa di New York ha chiuso la seduta in rialzo grazie a tecnologici ed energetici dopo un avvio in territorio negativo influenzato dal nuovo warning di Target (-2,27%) che ha zavorrato il settore della distribuzione. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,80%, l’S&P 500 lo 0,95%, mentre il Nasdaq Composite è salito del 0,99%. GitLab +28,01%. La società di San Francisco creatrice dell’omonima piattaforma web open source (che consente agli sviluppatori di software di collaborare in remoto a progetti e fornire aggiornamenti su base quasi costante) ha comunicato risultati per il primo trimestre segnati dalla riduzione delle perdite nette da 27,9 mln, pari a 53 centesimi per azione, a 26,1 mln, e 18 centesimi.

Agenda Finanziaria
L’agenda macro di oggi, mercoledì 8 giugno, si presenta particolarmente densa
di appuntamenti. In arrivo durante la mattinata la lettura finale del Pil del primo
trimestre dell’Eurozona e del Giappone. Inoltre, durante la mattinata verranno resi
noti i dati sulla produzione industriale della Germania e sulle vendite al dettaglio
dell’Italia.

Sul versante europeo, secondo quanto comunicato da Halifax (tra i maggiori
erogatori di mutui di Londra), in maggio l’indice dei prezzi delle abitazioni
Halifax Hpi (Housing Price Index) è balzato in Gran Bretagna del 10,5% annuo,
contro il 10,8% di aprile (11,1% in marzo) e il 10,1% del consensus. Su base
sequenziale l’Halifax Hpi è invece salito dell’1,0% contro l’1,2% precedente (1,5%
in marzo) e lo 0,8% stimato dagli economisti. Inoltre, secondo quanto
comunicato da Statistisches Bundesamt (Destatis, l’agenzia nazionale di
statistica tedesca), in aprile la produzione industriale è salita in Germania dello
0,7% sequenziale dopo il declino del 3,9% di marzo (0,1% il rialzo di febbraio),
che era stata la peggiore performance dal crollo del 18,1% registrato allo
scoppio della pandemia nel marzo 2020. Il dato è comunque inferiore all’1,0%
del consensus. Su base annua la produzione industriale è invece scesa del 2,2%
in aprile, contro la flessione del 3,2% di marzo (3,1% il progresso di febbraio).

Sul fronte asiatico, secondo quanto comunicato dall’Ufficio di Gabinetto
nipponico, il Pil del Giappone è calato dello 0,5% annuo nel primo trimestre
2022, dopo il progresso del 3,8% del precedente periodo (3,6% il declino del
terzo trimestre 2021) ma sopra all’1,0% della prima lettura preliminare diffusa il
mese scorso. Su base sequenziale l’economia nipponica ha registrato invece una
contrazione dello 0,1% contro l’espansione dello 0,9% del quarto trimestre
(0,9% il ribasso del terzo) e il calo dello 0,2% del dato flash.

Inoltre, l’Ufficio di Gabinetto nipponico ha comunicato il dato relativo
all’Economy Watchers corrente (sondaggio che determina la fiducia tra i
lavoratori in Giappone in relazione all’attività economica e permette di
anticipare la spesa dei consumatori), che registra per maggio una crescita a 54,0
pts dai 50,4 pts di aprile (47,8 pts in marzo), contro il declino a 49,2 pts del
consensus

Petrolio in rialzo
Derivati sul greggio in rialzo stamane. Il futures sul Brent guadagna lo 0,31% a USD 120,94 il barile, mentre WTI Usa sale dello 0,48% a USD 119,98.

Euro Dollaro a 1,06
Il cross euro/dollaro vale 1,0690 in calo di 0,08%, mentre il cambio euro/yen si attesta su 142,42 in rialzo dello 0,30% e il cambio usd/jpy scambia a 133,17 in rialzo di 0,45%.

Obbligazionario
Stamane il Bund future ha aperto a 149,15 il Btp future a 125,65. Lo spread Btp/Bund riparte da 211 pts, con il rendimento del nostro Btp decennale al 3,420%.