Grazie a buona capitalizzazione emittenti in Europa bene settore assicurazioni

Bettaieb Mondher, gestore di Vontobel, risponde alle domande di Fondi&Sicav sui corporate bond investment grade denominati in euro

Vontobel

Quali sono le ragioni che hanno permesso agli investment grade corporate bond in euro di comportarsi meglio dei government bond dell’eurozona negli ultimi mesi? Perché il rischio politico ha avuto conseguenze di poco conto sulle quotazioni dei bond societari?

Nell’attuale contesto di mercato, molti investitori mirano a incrementare i bassi rendimenti disponibili nel mercato dei titoli di Stato spostandosi verso il settore del credito al fine di ottenere un ulteriore spread di credito. Inoltre, i nuovi flussi nella classe di attivo provengono dalla Banca centrale europea, che sta acquistando obbligazioni corporate per circa 6 miliardi di Euro al mese. Ciò genera un contesto positivo per le obbligazioni corporate investment grade.

I recenti solidi rendimenti sono stati realizzati in seguito ai risultati favorevoli delle elezioni presidenziali francesi al primo turno, confermati nel ballottaggio finale: la vittoria di Emmanuel Macron. La sua vittoria è determinante a riformare il progetto europeo, oltre, tra gli altri fattori, a rafforzare ulteriormente il candidato Matteo Renzi in Italia, che è favorevole a una forma simile di riformismo di centro-sinistra. Renzi ha maggiori possibilità di formare una coalizione positiva con il centro-destra e Forza Italia, il che attenuerebbe ulteriormente i rischi sistemici.

Al di là della politica europea, la Bce dovrà essere convinta circa la sostenibilità dell’inflazione e annuncerà l’ulteriore riduzione del Qe solo dalla fine del 2017/inizio 2018 per poi rivalutare gli acquisti a intervalli regolari nell’anno riesaminando il livello di inflazione. Di conseguenza, gli aspetti tecnici positivi nei mercati dovrebbero rimanere costanti per tutto il 2018, soprattutto perché la Bce esaurirà l’acquisto dei bund tedeschi entro la fine del 2017 e sarà costretta a mantenere elevati i volumi di acquisto nel mercato delle obbligazioni europee investment grade. Secondo noi il ciclo di liquidità in Europa dovrebbe quindi rimanere solido per qualche tempo.

 

Nell’attuale contesto di mercato, quali investment grade corporate bond sono da preferire in termini di duration, settori di appartenenza delle società emittenti o altri fattori che ritenete prioritari nella selezione dei singoli titoli?

In generale la selezione di singole obbligazioni richiede una solida comprensione dei sottostanti rischi di credito dell’emittente. Di conseguenza miriamo ad acquistare bond laddove gli spread di credito più che compensano il rischio di credito assunto. Alle attuali condizioni del mercato, manteniamo le nostre specifiche posizioni di rischio nelle opzioni call a breve termine sugli strumenti di debito subordinati, comprese le obbligazioni bancarie Tier 1 aggiuntivo, dato che la crescita degli utili e le economie globali saranno, secondo noi, meglio sostenute dal ciclo di liquidità. Riteniamo che i rendimenti di riferimento termineranno il 2017 in linea con inizio anno, ossia i treasury Usa decennali intorno al 2,5%, a beneficio alle obbligazioni corporate, compreso quelle con sensibilità maggiore alla duration. Perseguiamo una strategia bilanciata nell’integrare gli strumenti che hanno una forte esposizione alle obbligazioni high yield, sub-financial, strumenti corporate ibridi di emittenti di buona qualità e imprese regionali. Sul fronte dei settori privilegiamo ancora il settore bancario e assicurativo grazie alla buona capitalizzazione degli emittenti in Europa.

 

Stefania Basso
Laureata all'Università Statale di Milano, dal 2006 collaboro con Fondi&Sicav. Lunga esperienza nel settore del risparmio gestito come marketing manager presso Franklin Templeton Investments e J.P. Morgan Fleming Am a Milano e a Lussemburgo. Breve esperienza presso Lob Media Relations come ufficio stampa per alcune realtà finanziarie estere. In tutto il mio percorso professionale ho lavorato a stretto contatto con persone provenienti da diverse parti del mondo, che mi hanno permesso di avere un approccio dinamico e stimolante e di apprendere attraverso il confronto con realtà differenti.
Advertisement