India, segnali di miglioramento dell’economia

A cura di Stefania Basso

Crescono produzione industriale e manifatturiera. Commento mensile sul mercato indiano di Aberdeen Asset Management

I titoli azionari indiani hanno guadagnato nel mese di novembre per le speranze riposte nella riduzione dell’inflazione e nel taglio dei tassi di interesse alla luce grazie del calo dei prezzi del petrolio. La politica monetaria accomodante di alcune delle principali banche mondiali ha inoltre stimolato l’appetito per il rischio.

Il ritmo di crescita economica è rallentato nel trimestre a settembre toccando il 5,3% anno su anno. Ma i recenti indicatori economici sono stati più positivi: la produzione manifatturiera e quella industriale sono aumentate mentre l’inflazione dei prezzi al consumo è rallentata al 5,52% in ottobre.

L’umore tra i consumatori indiani e le imprese è sempre più positivo mentre gli investitori sono decisamente ottimisti da qualche tempo. L’ottimismo non si è ancora manifestato in modo sostenuto nell’economia reale, che è rimasta sullo stesso livello di crescita moderata per alcuni trimestri, mentre la domanda dei consumatori e l’attività generale delle imprese è rimasta debole. La ripresa dell’India non è certamente rapida considerati gli ostacoli burocratici e strutturali. Ma i segnali di miglioramento sono incoraggianti. Le pressioni inflazionistiche sono scese in modo considerevole e questo potrebbe velocizzare la riduzione dei tassi interesse nel 2015. Il Governo sembra aver alzato il ritmo di riforme dopo il successo delle elezioni politiche. Tali fattori potrebbero supportare il miglioramento della crescita degli utili delle aziende nei prossimi trimestri e rafforzare l’appeal delle azioni indiane nel lungo termine.

Stefania Basso
Stefania Basso
Laureata all'Università Statale di Milano, dal 2006 collaboro con Fondi&Sicav. Lunga esperienza nel settore del risparmio gestito come marketing manager presso Franklin Templeton Investments e J.P. Morgan Fleming Am a Milano e a Lussemburgo. Breve esperienza presso Lob Media Relations come ufficio stampa per alcune realtà finanziarie estere. In tutto il mio percorso professionale ho lavorato a stretto contatto con persone provenienti da diverse parti del mondo, che mi hanno permesso di avere un approccio dinamico e stimolante e di apprendere attraverso il confronto con realtà differenti.