Italia, aumento crescita Pil reale dell’1,5%

Il governo italiano ha comunicato ufficialmente al Parlamento gli obiettivi della Legge di Bilancio

Commento a cura del team Research, Strategy and Analysis di Amundi

Dopo aver annunciato il 27 settembre degli obiettivi per il deficit di bilancio sostanzialmente più morbidi per il periodo 2019-2021 (obiettivi che hanno scatenato una reazione negativa dei mercati, accentuata dal ritardo nel pubblicare dei documenti ufficiali), il 4 ottobre il governo italiano ha comunicato ufficialmente al Parlamento gli obiettivi della Legge di Bilancio. Nonostante gli obiettivi di deficit siano stati rivisti leggermente al ribasso rispetto alle dichiarazioni iniziali (-2,4%, – 2,1% e – 1,8% del Pil per il 2019- 2021, rispetto al -2,4% annunciato in precedenza per i tre anni), il documento conferma un bilancio con degli obiettivi piuttosto morbidi per i prossimi anni. Nelle proiezioni del governo, ciò dovrebbe tradursi in un aumento della crescita del Pil reale dall’1% attuale a una media dell’1,5%. Ciò dovrebbe garantire una leggera riduzione del rapporto debito/Pil. Il rischio di non rispettare gli obiettivi di diminuzione del debito pubblico rimane elevato.

 

Advertisement