Le opportunità sulle convertibili

“A fronte di un’attesa di crescita o contrazione del mercato azionario pari a +20%/-20% in un anno, ci aspettiamo che nello stesso arco temporale le convertibili possano rendere rispettivamente +12,8% e -7%”, sostiene Anja Eijking, gestore del fondo F&C Global Convertible Bond Fund, BMO Global Asset Management

Guardando al 2017, con Donald Trump presidente degli Stati Uniti, e con la maggioranza repubblicana sia al Congresso sia al Senato, sembra proprio di essere entrati in una nuova era per gli investimenti. L’agenda orientata alla crescita del neo presidente sembra concentrarsi su importanti infrastrutture e sulla crescita della spesa per la difesa. Allo stesso tempo, Trump ha promesso significative riduzioni del carico fiscale. La tassa federale sulle società dovrebbe essere ridimensionata e le tasse sui redditi semplificate con una riduzione trasversale a tutte le fasce di reddito. Nel breve termine, il minor gettito fiscale e la maggiore spesa dovrebbero portare a un fisiologico aumento del deficit statunitense.

Tuttavia, così come avvenne negli anni di Reagan, quando questo processo avrà innescato con successo la crescita economica, la maggiore attività potrebbe portare a un aumento del gettito fiscale superiore alla spesa del governo. Il trattato di libero scambio dei paesi nordamericani (Nafta) sarà probabilmente rinegoziato e sia la Cina sia il Messico si troveranno verosimilmente a fronteggiare dazi sulle esportazioni. La conclusione di tutto ciò è che l’elezione di Trump implica un evidente cambio politico e, allo stesso tempo, incertezza in tema di protezionismo e relazioni internazionali. Tutto questo crea rischi, ma anche opportunità che potrebbero portare gli Stati Uniti a tornare a essere il motore della crescita. In seguito al risultato elettorale, le curve dei rendimenti sono aumentate.

Maggiori tassi sull’obbligazionario, a fronte di un miglior scenario di crescita macroeconomica, non dovrebbero a nostro avviso influenzare negativamente il mercato azionario. Tuttavia, le azioni potrebbero essere ostacolate da uno scenario di cosiddetto “taper tantrum”, con le Banche centrali sempre più pronte a ridurre i propri programmi di Quantitative easing o aumentare i tassi di interesse senza nessun miglioramento apparente sul fronte macroeconomico. Nel 2017, in aggiunta, si dovranno tenere elezioni in Francia, Germania e Olanda e i crescenti fronti populisti, così come le negoziazioni sull’articolo 50 che saranno innescate dalla Brexit, potrebbero avere una certa influenza sui risultati delle elezioni. A fronte di un’attesa di crescita o contrazione del mercato azionario pari a +20%/-20% in un anno, ci aspettiamo che nello stesso arco temporale le convertibili possano rendere rispettivamente il +12,8% e il -7%.

Per quanto riguarda le nuove emissioni di obbligazioni convertibili, che ammontano a 6,6 miliardi di dollari, queste sono state dominate dall’emissione di bond a conversione obbligatoria per 4 miliardi da parte della Bayer. Altri titoli interessanti di recente emissione includono quelli del produttore francese di stoviglie e utensili da cucina SEB e dell’olandese Dutch BE Semiconductor. In Asia, la China Yangtze Power International ha emesso obbligazioni convertibili in azioni della China Construction Bank.

A livello generale, continuiamo a focalizzarci sul segmento dalla maggior qualità del credito. Il 68% del portafoglio è investito in emittenti con rating Investment Grade e un 32% in titoli di minore qualità. La sensitività alla componente azionaria, alla fine del mese di dicembre, era pari a 0,45.

Ad esempio della nostra strategia, abbiamo aggiunto in portafoglio la nuova obbligazione convertibile del produttore di utensili da cucina francese SEB, che tra i suoi brand, annovera marchi come Krups e Tefal. La società ha generato circa un terzo dei propri ricavi in Asia, ha mostrato una crescita sana e per gli anni a venire dovrebbe inoltre continuare a beneficiare della crescita del mercato, delle innovazioni di prodotto e della crescita dei mercati emergenti. Allo stesso tempo, è stata aperta una posizione in Cypress Semiconductor. La società ha trasformato la propria attività maggiormente verso industrie a rapida crescita e dai ricavi stabili come quello automobilistico e delle applicazioni industriali, che sono caratterizzati da lunghi cicli di sviluppo e fattori di crescita secolari come il passaggio alle automobili elettriche e a guida automatica. L’obbligazione convertibile bilanciata, che paga una cedola pari al 4,5%, dovrebbe beneficiare del solido potenziale di crescita dell’utile negli anni a venire. Inoltre, abbiamo scambiato le nostre posizioni in Unibail Rodamco, British Land e Primary Health Properties in strumenti più interessanti Unibail Rodamco e di Intu Properties. Abbiamo inoltre incrementato le nostre posizioni in Telenor/VimpelCom, CRRC e Beijing Water Enterprise.

Stefania Basso
Laureata all'Università Statale di Milano, dal 2006 collaboro con Fondi&Sicav. Lunga esperienza nel settore del risparmio gestito come marketing manager presso Franklin Templeton Investments e J.P. Morgan Fleming Am a Milano e a Lussemburgo. Breve esperienza presso Lob Media Relations come ufficio stampa per alcune realtà finanziarie estere. In tutto il mio percorso professionale ho lavorato a stretto contatto con persone provenienti da diverse parti del mondo, che mi hanno permesso di avere un approccio dinamico e stimolante e di apprendere attraverso il confronto con realtà differenti.
Advertisement