L’ora della Fed

Stasera la riunione del FOMC (ore 19 italiane), seguita dalla conferenza stampa della Yellen, durante la quale potrebbero essere comunicate delle nuove linee guida del processo di normalizzazione della politica monetaria. Fxcm

In breve, durante la testimonianza semi annuale di fronte al Congresso, si è lasciata trapelare la possibilità di procedere con rialzi di tassi avendo eliminato il termine “paziente” quando si è appunto parlato del futuro processo di rientro da politiche monetarie straordinarie, il tutto “corretto” dalla Yellen tramite la comunicazione che non si deve pensare che in un paio di riunioni si procederà in tal senso. Il mercato ha inizialmente scontato la reale possibilità di procedere ad un rialzo a giugno (ricordiamo che le prossime riunioni saranno il 29 aprile ed il 17 giugno, quest’ultima seguita da una conferenza stampa), per poi fare marcia indietro rimanendo su scadenze che avrebbero potuto superare l’estate, a livello decisionale.

Dopo la pubblicazione dei NFP e del tasso di disoccupazione di inizio mese però, abbiamo assistito ad un nuovo giro del sentiment degli investitori che, a maggioranza, stanno prezzando un intervento proprio all’inizio dell’estate e questo lo capiamo dai movimenti visti sullo S&P500 che è andato a stornare, anticipando la tipologia di movimento cui potremmo probabilmente assistere quando le aspettative di un rialzo diverranno concrete tra tutti gli investitori.