Lungo addio all’Europa

Ci siamo concentrati sulla protezione del capitale, riducendo il bilancio e l’esposizione netta in questo periodo iniziale di incertezza”, hanno affermato Michael Browne e Steve Frost, portfolio manager del Legg Mason Martin Currie European Absolute Alpha Fund

Venerdì 24 giugno il Regno Unito ha votato a favore dell’uscita dall’Unione Europea (Ue). A seguito del risultato, e la conseguente incertezza, possiamo aspettarci una forte volatilità sui mercati.

Un lungo addio
Gli elettori britannici, in particolare nelle Midlands e nel Nord dell’Inghilterra, hanno dimostrato la propria frustrazione in merito agli effetti della globalizzazione, all’austerità e a un paese costantemente “Londra-centrico”. Il processo per lasciare l’Unione Europea, nel rispetto dell’articolo 50 del trattato di Lisbona, inizierà soltanto quando il partito conservatore avrà nominato un nuovo leader per sostituire David Cameron.
Gli economisti stanno tagliando le previsioni per la crescita economica del Regno Unito, spostandosi in territorio negativo per il 2017. Stimiamo che questo scenario si ripercuoterà anche sulla crescita europea, con un impatto dello 0,5%.

Macro
La debolezza della sterlina potrebbe innescare una spinta all’inflazione, anche se dovremo prima verificare l’impatto sul potere di determinare i prezzi di beni e servizi in un’economia debole. Inoltre, i livelli minori di immigrazione ridurranno l’offerta per i lavori di fascia bassa, creando potenzialmente inflazione anche sul piano salariale. Crediamo che il Regno Unito si spingerà in una fase di recessione nel 2017, a causa della contrazione degli investimenti delle imprese. Come risultato del referendum, prevediamo un aumento delle pressioni volte a ridurre la politica di austerity dettata dall’Europa, che potrebbe quindi rivelarsi come un importante catalizzatore. L’euro debole e la delocalizzazione degli investimenti esteri diretti, dal Regno Unito alla Germania, aiuterà significativamente l’economia tedesca.

Credito
La Banca d’Inghilterra (BoE) interverrà certamente attraverso l’acquisto di titoli di Stato inglesi (gilt). La speculazione di mercato prevede un aumento del quantitative easing (Qe) attuale e la BoE ha già annunciato la disponibilità di un piano di oltre 250 miliardi di sterline. Inizialmente, i rendimenti dei gilt a 10 anni sono scesi, così come i rendimenti dei bund tedeschi a 10 anni, scesi sotto lo zero. Uno scenario con rendimenti in calo e curve dei rendimenti in appiattimento non stimola le banche ad erogare prestiti ed è una cattiva notizia per i guadagni delle banche. Anche altre banche centrali sono pronte ad agire, come ha osservato il governatore della Banca del Giappone, Haruhiko Kuroda.

Utili aziendali
È troppo presto per sapere esattamente come gli utili societari saranno influenzati dal rallentamento della crescita europea. Ci aspettiamo che le aziende economicamente sensibili al Regno Unito con bassi margini, bilanci in sofferenza in mercati frammentati e dipendenti da un ciclo di investimento positivo, soffriranno di più. Dall’altro lato, ci saranno aziende in cui i guadagni beneficeranno della debolezza della valuta, che a sua volta si tradurrà in maggiori profitti.

M&A
Gli asset del Regno Unito saranno economici, a causa del crollo della sterlina. Ci aspettiamo perciò un aumento delle attività di acquisizione, soprattutto da parte di società legate al dollaro e asiatiche. Lo stesso è probabile che si verifichi anche in Europa continentale, data la debolezza dell’euro.

La nostra risposta
Nonostante la forte negatività in merito ai titoli azionari europei, potrebbero esserci, infatti, motivi di ottimismo e una ripresa economica potrebbe eventualmente essere aiutata anche da questo referendum, con la scomparsa dell’austerità.
Cercheremo di aumentare sia il book long sia short del portafoglio, soprattutto sulla base di una lista di nomi che abbiamo monitorato nel corso degli ultimi mesi e che sarebbero interessanti per noi in questo nuovo ambiente. La nostra ricerca si concentra su modelli di business europei, in particolare di imprese che stanno crescendo ad un ritmo superiore a quello del Pil, con una forte quota di mercato, pricing power e una bassa sensibilità alle problematiche legate ai mercati emergenti. Stiamo anche cercando di acquistare quelle aziende i cui rischi per i loro modelli di business sono già scontati.

In conclusione
In primo luogo, ci siamo concentrati sulla protezione del capitale, riducendo il bilancio e l’esposizione netta in questo periodo iniziale di incertezza. Come strategia paneuropea, abbiamo la flessibilità necessaria per concentrarsi su quei paesi e quelle aziende che sono o meno esposti all’impatto del Brexit, o che potranno beneficiare di essa, alla ricerca di opportunità per acquistare titoli interessanti e assumere posizioni corte su quelli che dovranno fronteggiare le problematiche legate dall’impatto economico di questo evento storico.

Stefania Basso
Laureata all'Università Statale di Milano, dal 2006 collaboro con Fondi&Sicav. Lunga esperienza nel settore del risparmio gestito come marketing manager presso Franklin Templeton Investments e J.P. Morgan Fleming Am a Milano e a Lussemburgo. Breve esperienza presso Lob Media Relations come ufficio stampa per alcune realtà finanziarie estere. In tutto il mio percorso professionale ho lavorato a stretto contatto con persone provenienti da diverse parti del mondo, che mi hanno permesso di avere un approccio dinamico e stimolante e di apprendere attraverso il confronto con realtà differenti.
Advertisement