L’Usd perde terreno

L’Usd perde terreno. Aggiornamento sui mercati e agenda macro a cura di UniCredit

Eur/Usd a 1,074. Il cambio euro/dollaro ha toccato i massimi da inizio dicembre, mentre il dollaro scivola significativamente anche contro lo yen, con gli investitori in attesa di dettagli sulle politiche economiche di Trump.

Wall Street ha chiuso positiva venerdì
Wall Street ha chiuso in moderato rialzo venerdì, nel giorno dell’insediamento ufficiale di Trump alla Casa Bianca. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,48%, lo S&P500 lo 0,34% e il Nasdaq100 lo 0,24%. Il discorso inaugurale di Trump non ha riservato grandi soprese: egli ha ribadito che metterà in cima alla sua agenda gli interessi degli americani, senza fornire tuttavia concreti dettagli. In assenza di dati macroeconomici, il mercato azionario a Wall Street ha beneficiato delle notizie arrivate dal fronte societario. Attesa oggi le trimestrali di McDonald’s, Yahoo!, Halliburton, Brown and Brown.


Borsa di Tokyo

La Borsa di Tokyo ha chiuso in deciso ribasso (Nikkei -1,29%), con i titoli legati all’export hanno sofferto la forza dello yen e con l’umore del mercato che ha risentito delle preoccupazioni legate alla visione protezionista espressa dal nuovo presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Toshiba ha guadagnato il 9%, sulla scia di indiscrezioni secondo cui il conglomerato nipponico starebbe preparando la vendita di una quota di minoranza della sua unità nei semiconduttori. Hong Kong al momento segna +0,12% e Shanghai +0,43%.

Petrolio Wti
Petrolio Wti in leggero calo a USD53 al barile. I prezzi del greggio scendono, dopo due sedute di rialzo, sulle prospettive di un aumento della produzione Usa.

Obbligazionario
Il Bund future marzo ha aperto stamane in rialzo di 48 tick a 162,77. Lo spread Btp/Bund 10y è a 161 pts, con il rendimento del nostro decennale al 2,02%. Il Tesoro oggi annuncerà il quantitativo di Ctz e Btpei in asta il 26 gennaio. Attivi sul primario gli Stati Uniti.

Agenda macro
Quella di oggi sarà una giornata povera sul fronte macroeconomico. Nel pomeriggio verrà comunicato il dato sulla fiducia dei consumatori dell’Eurozona di gennaio.

Advertisement