Home Consulenti&Reti Paolo Giorsino, di Banca Patrimoni Sella & C. «La Sfdr farà emergere i migliori»

Paolo Giorsino, di Banca Patrimoni Sella & C. «La Sfdr farà emergere i migliori»

0
Paolo Giorsino, di Banca Patrimoni Sella & C. «La Sfdr farà emergere i migliori»

Banca Patrimoni Sella & C. ritiene che i nuovi obblighi porteranno il beneficio di un campo di gioco uniforme tra i competitor

 Dal 10 marzo il quadro regolatorio per le società di gestione e di distribuzione di prodotti finanziari è diventato molto più complesso. Con la Sfdr vengono aumentati e uniformati i requisiti di reporting dei processi di investimento Esg. Si tratta certamente di un grande passo in avanti per l’adozione di criteri sostenibili per gli investimenti. Inoltre per le reti queste normative aprono ottime opportunità commerciali. Non manca, però, chi sostiene che anche il carico di lavoro e di norme burocratiche aumenta.

Paolo Giorsino, direttore commerciale di Banca Patrimoni Sella & C. fa parte di coloro che si pongono in posizione nettamente positiva. «La normativa è stata recepita al 100% come richiesto dall’autorità europea. Gli obblighi che entreranno in vigore il prossimo 2022 porteranno il beneficio di un campo di gioco uniforme tra i competitor. Daranno la possibilità ai migliori di emergere, rendendo confrontabili i contenuti offerti».

 

Sul piano concreto che cosa ha significato per voi questo cambiamento?

«Nell’ambito del servizio delle gestioni patrimoniali, ad esempio, la Banca si è dotata di processi di valutazione e monitoraggio. Ciò consentirà di analizzare i portafogli gestiti anche dal punto di vista della sostenibilità prospettica. L’analisi di questo rischio verrà integrata  con le usuali tecniche di valutazione e di costruzione dei portafogli. Nella selezione dei titoli azionari e nei corporate bond sono state individuate alcune esclusioni. Sono stati eliminati diversi strumenti finanziari appartenenti a settori particolarmente controversi, perché possono produrre effetti negativi per la sostenibilità ambientale, sociale e di governance».

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito utilizza i cookies.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.