Parte il ciclo elettorale europeo

Parte il ciclo elettorale europeo. Mercoledì il ciclo elettorale europeo prende avvio con le elezioni politiche in Olanda. L’analisi di Mps

I punti chiave per il mercato sono:

 L’esclusione del partito di estrema destra PVV dalle negoziazioni per la formazione di un nuovo governo. A giudicare dai sondaggi, che segnalano un consenso calante per il PVV, questo dovrebbe essere assodato.
 La differenza tra il risultato del PVV e quanto previsto dai sondaggi, come segno di quanto le prossime elezioni (quelle francesi soprattutto) possano sorprendere rispetto alle previsioni.

Alcuni exit poll seguiranno la chiusura dei seggi alle 21:00 di mercoledì e i risultati dovrebbero fluire durante la notte con risultati semi-definitivi la mattina seguente. Le negoziazioni per la formazione di un nuovo governo inizieranno immediatamente e non dovrebbero essere brevi (l’attuale governo Rutte fu formato nel 2002 dopo 49 giorni), data la natura proporzionale del sistema olandese che incoraggia la frammentazione.

La settimana
 Il meeting del FOMC della Fed di mercoledì costituisce il maggiore evento della settimana. Nel 70% dei casi in cui i mercati prezzano un rialzo con una probabilità superiore al 50%, la Fed agisce sui tassi; per mercoledì il mercato prezza un rialzo come una quasi certezza. Un ulteriore elemento di interesse è costituito da come i membri del FOMC rivedranno le loro aspettative per il sentiero futuro dei tassi ( i cosiddetti dots).
 Altri due spazi da osservare sono la presentazione di ulteriori dettagli sul budget 2018 USA da parte del presidente Trump e la possibilità che la Gran Bretagna attivi ufficialmente il meccanismo d’uscita dalla UE; a metà settimana infatti, il Parlamento dovrebbe approvare definitivamente la legge che autorizza il governo ad attivare l’art. 50.

Advertisement