Prese di profitto sul dollaro

Oggi BCE con conferenza stampa alle ore 14.30, dalla quale non ci aspettiamo nulla di particolare ma che seguiremo con attenzione a causa della Grecia. FXCM

Acquisti di dollaro australiano dopo la decisione di non abbassare il costo del denaro da parte della RBA, seguiti da acquisti di euro e di sterlina durante le primissime ore del mattino in base alle logiche dollarocentriche correlative che seguiamo da qualche settimana, acquisti che dopo il rilascio dei dati sull’inflazione dell’area euro (0.3% vs 0.2% la nominale, 0.9% vs 0.7% la core) e di quelli sul PMI delle costruzioni inglese (55.9 vs 55.0) sono proseguiti, tramutandosi in un concerto di vendite di dollaro, avvenute anche contro lo yen. Mercato che dunque si rivela attivo e reattivo sulle singole valute (quando non citiamo la contropartita ci riferiamo sempre al dollaro americano) nel momento in cui vengono rilasciati dati macro non riferiti all’America e che va a riallinearsi in base ai movimenti principali del dollaro nel momento in cui si “calmano le acque” e le pubblicazioni vengono meno. Una conferma di come la nostra chiave di lettura possa essere ancora ritenuta valida dal punto di vista operativo. Oltre a questo, la Grecia e le montagne russe americane. La prima dovrebbe riuscire a raggiungere un accordo con i creditori internazionali i quali, in settimana, dovrebbero presentare un piano di rientro dal debito definitivo (su suggerimento di Commissione Europea, FMI e BCE) in mancanza di proposte concrete da parte di Tsipras e compagnia. Per il momento trattiamo qualsiasi notizia ancora come un rumor, stando attenti alle prese di profitto che stanno avvenendo sul dollaro americano (e che potrebbero trasformarsi in acquisti isolati di euro nel momento in cui dovesse sbloccarsi il teatrino greco) rimanendo flessibili di fronte all’altalenare delle borse americane non in grado di prendere una direzionalit√† precisa di medio periodo e che ci confermano come i prezzi non sembrino avere la forza per tentare approfondimenti ribassisti di rilievo. Oggi Banca Centrale Europea con conferenza stampa alle ore 14.30, dalla quale non ci aspettiamo nulla di particolare ma che seguiremo con attenzione a causa della Grecia e ISM non manifatturiero in Usa alle ore 16, che potrebbe portare ai riallineamenti sul dollaro di cui abbiamo parlato (sulle pubblicazioni macro Usa il mercato risulta ancora dollarocentrico).