Ripresa economia europea rimane debole

Secondo David Zahn, head of European Fixed Income e senior vice president di Franklin Templeton Fixed Income Group, la crescita sottostante non è forte e in Francia le probabilità di vittoria di Marine Le Pen sono minime

FTI_pos_0114

“Sebbene i dati suggeriscano una ripresa dell’economia europea, a nostro giudizio si tratta di una ripresa debole, certamente non alla pari con le forti riprese del 2004 e del 2009. Ciò che la rende ancora più deludente è che il contesto è invece estremamente favorevole: la Bce ha ridotto i tassi a minimi storici, l’euro si è notevolmente indebolito, l’austerità è cessata nella maggior parte dei paesi della regione e i prezzi del petrolio si sono mantenuti sostanzialmente inferiori alla norma. Il fatto che nonostante tutti questi fattori favorevoli la ripresa sia stata soltanto minima, indica che la crescita sottostante non è forte.

Gli esiti politici inattesi, rappresentati dal voto favorevole alla Brexit nel Regno Unito e dall’elezione di Donald Trump negli Stati Uniti, sono stati tra gli eventi che hanno caratterizzato il 2016. Questi risultati hanno indotto i commentatori a chiedersi se Marine Le Pen, leader del partito francese di estrema destra Front National, possa trionfare alle elezioni presidenziali francesi nella primavera di quest’anno.

Gli attuali prezzi dei titoli di stato francesi indicano che secondo i mercati le probabilità di vittoria di Marine Le Pen sono minime. Ciò ci induce a prevedere una certa volatilità, indipendentemente dall’esito, che potrebbe essere acuita dalla scarsa familiarità con il sistema elettorale francese.

Il primo turno delle elezioni francesi è previsto per il 23 aprile. Ci sembra molto probabile che Marine Le Pen ottenga voti sufficienti per passare al secondo turno. Qualora vincesse al primo turno riteniamo che qualcuno, fuori dall’Europa e con una scarsa comprensione del processo elettorale, potrebbe pensare che Marine Le Pen abbia conquistato la presidenza ed in tale eventualità ci attendiamo una potenziale reazione dei mercati. Tale possibilità a nostro avviso può presentare un’opportunità, qualora i titoli di stato francesi scendessero in previsione di un buon risultato di Marine Le Pen. Il secondo turno, decisivo, è previsto per il 7 maggio.”

Stefania Basso
Stefania Basso
Laureata all'Università Statale di Milano, dal 2006 collaboro con Fondi&Sicav. Lunga esperienza nel settore del risparmio gestito come marketing manager presso Franklin Templeton Investments e J.P. Morgan Fleming Am a Milano e a Lussemburgo. Breve esperienza presso Lob Media Relations come ufficio stampa per alcune realtà finanziarie estere. In tutto il mio percorso professionale ho lavorato a stretto contatto con persone provenienti da diverse parti del mondo, che mi hanno permesso di avere un approccio dinamico e stimolante e di apprendere attraverso il confronto con realtà differenti.