Tre ragioni per la ripresa degli utili nell’Eurozona

Secondo James Sym, gestore European Equities, Schroders, ci sono tre fattori alla base del rinnovato vigore degli utili europei: il calo dei prezzi del greggio, l’euro debole e i più bassi costi di finanziamento.

Sin dalla crisi finanziaria del 2009, gli utili delle società dell’Eurozona non sono riusciti a tenere il passo di quelli delle aziende statunitensi, che hanno già aggiornato i propri record. A nostro avviso, questa è un’opportunità per gli investitori europei, poiché i profitti nell’area della moneta unica hanno tutto il potenziale per far partire una forte ripresa rispetto agli attuali livelli molto bassi. Le società dell’Eurozona possono segnare per il 2015 una crescita degli utili a doppia cifra.

Secondo i nostri calcoli, il calo del prezzo del petrolio rappresenta un incremento di circa 1.000 euro per il budget di ogni famiglia europea. Un aumento di questa portata può trainare un vero rialzo della spesa dei consumatori. La debolezza della domanda è stata, storicamente, un problema per l’Eurozona, ma ci sono segnali di un possibile cambiamento: la Germania ha reso noti negli ultimi mesi dati molto solidi sulle vendite al dettaglio. Al contempo, sebbene il calo del prezzo del greggio sia certamente negativo per i produttori di oil&gas dell’area, il settore conta per una parte relativamente piccola del mercato azionario rispetto a quanto accade negli Stati Uniti.

L’euro si è indebolito sostanzialmente rispetto al dollaro, in gran parte perché la Federal Reserve ha posto fine al suo programma di Quantitative Easing mentre la Banca centrale europea lo ha appena avviato. A nostro avviso, la debolezza della moneta unica di per sé ha il potenziale per far aumentare gli utili delle società dell’Eurozona del 5-8% quest’anno, sebbene chiaramente alcune società beneficeranno più di altre di questo scenario. Nel frattempo, un altro effetto del programma di Quantitative Easing della BCE è stato spingere al ribasso i rendimenti dei titoli di Stato, riducendo così i costi di finanziamento sia per le aziende sia per i consumatori.

Infine, per quanto riguarda i singoli settori, pare il caso di menzionare la ripresa attesa per gli utili del comparto bancario. In aggregato, le banche hanno riportato utili di circa 40 miliardi di euro nel 2014, anche alla luce degli accantonamenti attuati in vista della Asset Quality Review della BCE. Proprio un minor livello degli accantonamenti per quest’anno dovrebbe far salire gli utili a circa 80 miliardi di euro.