Trend nel mercato europeo degli ETF

Il 2014 in sintesi- Commento di Marlene Hassine, Head of ETF Research di Lyxor, relativo ai flussi del 2014 rilevati sul mercato europeo

Nel 2014 i flussi legati al mercato europeo degli ETF hanno toccato il record degli ultimi tre anni. La Raccolta netta di nuovi capitali (NNA) per lo scorso anno è ammontata a EUR 44,8 miliardi, circa tre volte il livello del 2013. Le masse in gestione totali sono aumentate del 26% rispetto alla fine del 2013, attestandosi a EUR 363 miliardi, compreso il notevole contributo della performance di mercato (+19,5%*). Sia gli ETF azionari che quelli obbligazionari hanno registrato livelli record di afflussi in un contesto di maggiore propensione al rischio.

-Gli ETF azionari hanno evidenziato afflussi record su base triennale con EUR 26 miliardi, l’82% in più rispetto al record precedente registrato nel 2013. Gli investitori hanno preferito l’esposizione ai mercati sviluppati, con oltre EUR 21,9 miliardi in NNA. L’esposizione agli Stati Uniti ha rappresentato la prima scelta, con oltre EUR 16,3 miliardi, circa tre volte il livello del 2013. Gli ETF azionari tedeschi hanno continuato a essere interessati da deflussi record per EUR 7,8 miliardi, pari a 1,5 volte i disinvestimenti del 2013. Gli ETF dei mercati emergenti hanno osservato afflussi piuttosto limitati nella misura di EUR 872 milioni, concentrati principalmente sull’Asia con EUR 822 milioni in NNA. Anche gli ETF globali hanno evidenziato una tendenza positiva, con NNA per EUR 3,1 miliardi pari a 2,5 volte il livello del 2013. È interessante notare come anche gli ETF smart beta siano stati interessati da afflussi record per EUR 2,6 miliardi, pari a quattro volte il livello del 2013.

-Anche gli investimenti negli ETF sul reddito fisso hanno toccato il record triennale con EUR 20,1 miliardi, pari a 2,5 volte il livello del 2013. Gli investitori si sono concentrati principalmente sui mercati sviluppati, con NNA per oltre EUR 15,8 miliardi. Gli ETF sulle obbligazioni societarie investment grade sono stati i maggiori beneficiari, con NNA pari a EUR 8,2 miliardi, rispetto a EUR 224 milioni del 2013. I titoli di Stato europei hanno registrato afflussi sostenuti per EUR 4,5 miliardi, pari a 1,12 volte il livello del 2013.

-Le materie prime hanno continuato a osservare deflussi, sebbene a un ritmo più contenuto, per EUR 1,3 miliardi rispetto a EUR 5,5 miliardi del 2013. Gli ETF sui metalli preziosi sono stati nuovamente interessati da disinvestimenti nella misura di EUR 1,5 miliardi, mentre gli strumenti su indici più ampi hanno recuperato leggermente, con EUR 260 milioni di afflussi rispetto a EUR 820 milioni di deflussi nel 2013.

* MSCI ACWI NTR +19,5% tra il 31/12/2013 e il 31/12/2014 in EUR