Uk, verso nuove elezioni

Uk, verso nuove elezioni. Steven Andrew, gestore del fondo M&G Income Allocation fund, commenta l’annuncio del Primo Ministro inglese Theresa May

L’annuncio a sorpresa di Theresa May circa le elezioni anticipate in Gran Bretagna il prossimo 8 giugno è la conferma che la politica inglese rimane fonte di grande incertezza per gli investitori, che quest’anno stanno già cercando di digerire un menù ricco di rischi a livello politico, dalle elezioni francesi di questa settimana ai timori di un potenziale conflitto con la Corea del Nord.

L’annuncio ci ricorda che, in politica, nulla può essere dato per certo. Tenendo questo bene a mente (insieme alle esperienze vissute nel 2016), qualsiasi previsione certa circa il risultato finale del voto di giugno va evitata. E’ improbabile che il percorso da qui all’8 giugno scorra liscio e poiché questo annuncio porterà volatilità sui mercati finanziari, è importante che gli investitori siano pronti a sfruttare le potenziali opportunità che un comportamento dei prezzi di questo tipo potrebbe portare.

Come sempre, rimaniamo concentrati sugli elementi che conosciamo, piuttosto che su quelli su cui non abbiamo visibilità. Una valutazione del panorama d’investimento nel contesto attuale suggerisce che i prezzi dei titoli azionari rimangono interessanti, soprattutto alla luce di un’economia UK solida e di una ripresa sostenuta a livello globale. Per queste ragioni, potremmo aumentare la nostra esposizione al mercato azionario inglese nel caso in cui dovessero crearsi opportunità a sconto a causa di una volatilità di natura politica.

La sterlina ha reagito all’annuncio di elezioni anticipate sperimentando un rally rispetto ai principali cambi. Nei prossimi giorni saranno molte le spiegazioni sul tipo di risultato che suggerisce una risposta di questo tipo, ovvero quale risultato elettorale sia stato prezzato dai mercati. Anche se questo alimenterà un certo dibattito, razionalizzare i movimenti di prezzo in questo modo è solitamente inutile da un punto di vista d’investimento. I dati relativi alla crescita nel Regno Unito e all’inflazione, la situazione dei tassi d’interesse, insieme al corso molto più debole vissuto dalla sterlina da un anno a questa parte, sono tutti elementi che suggeriscono che la valuta è attualmente piuttosto a sconto e che potrebbe rinforzarsi da qui in avanti. Fortunatamente, cercare di prevedere quale sarà il risultato delle elezioni generali non è un ingrediente necessario per arrivare a fare questa osservazione.

Rocki Gialanella
Laurea in Economia internazionale presso l’Università degli Studi di Napoli ‘Federico II’. Ho abbracciato il progetto FondiOnline.it nel 2001 e da allora mi sono dedicato allo sviluppo/raggiungimento del target che ci eravamo prefissati: dare vita a un’offerta informativa economico-finanziaria dal linguaggio semplice e diretto e dai contenuti liberi e indipendenti. La storia continua con FONDI&SICAV.
Advertisement