Ungheria, consumi privati trascinano la crescita nel 2015

A cura di Stefania Basso

La ripresa dei consumi e degli investimenti ha avuto inizio nel quarto trimestre 2014. Agata Urbanska-Giner, Economist di Hsbc Bank

Anche se la crescita del pil è rallentata dal 4,0% anno su anno nella prima metà del 2014 al 3,3% nella seconda metà dello scorso anno, la performance del quarto trimestre è stata migliore delle attese. Il forte rallentamento della domanda interna, dal 5,6% anno su anno nel terzo trimestre 2014 al 2,9% anno su anno nel quarto trimestre – è stato controbilanciato dal rallentamento delle importazioni e dal contributo positivo delle esportazioni nette alla crescita. Anche se il miglioramento dell’outlook di crescita nell’eurozona nel 2015, e in Germania in particolare, lascia presagire una performance positiva delle esportazioni, l’elemento trainante di crescita quest’anno rimane la domanda interna. Contrariamente al 2014, saranno i consumi privati, più che gli investimenti, a contribuire maggiormente alla crescita nel 2015.

La ripresa dei consumi e degli investimenti è iniziata nel quarto trimestre 2014. La crescita dei consumi privati è raddoppiata all’1,8% anno su anno, dopo una lettura deludente nel terzo trimestre, mentre la crescita degli investimenti è scesa a solo l’1,9% anno su anno, da una media del 17% nei primi tre trimestri del 2014. Nel 2013 e 2014 la crescita degli investimenti è stata guidata dall’aumento degli investimenti pubblici e nel 2014 dal programma della banca centrale ungherese a sostegno del credito alle PMI (FGS). Grazie al finanziamento agevolato alle piccole e medie imprese il prestito alle aziende è aumentato dell’1,5% del pil lo scorso anno. Con l’aumento della fiducia delle imprese e il miglioramento dell’outlook in Europa si stima un aumento degli investimenti nel 2015.

L’aumento delle spese per il programma delle opere pubbliche e il forte miglioramento del mercato del lavoro faranno aumentare la crescita dei consumi privati quest’anno, raddoppiando dal livello del 2014.

Anche se il partito al governo in Ungheria, Fidesz, ha perso la maggioranza durante le elezioni di febbraio il contesto politico rimarrà stabile. Per le prossime elezioni parlamentari dovremo attendere il 2018. La stabilità favorirà la crescita e il Governo si focalizzerà sul piano di miglioramento del settore bancario.

Stefania Basso
Stefania Basso
Laureata all'Università Statale di Milano, dal 2006 collaboro con Fondi&Sicav. Lunga esperienza nel settore del risparmio gestito come marketing manager presso Franklin Templeton Investments e J.P. Morgan Fleming Am a Milano e a Lussemburgo. Breve esperienza presso Lob Media Relations come ufficio stampa per alcune realtà finanziarie estere. In tutto il mio percorso professionale ho lavorato a stretto contatto con persone provenienti da diverse parti del mondo, che mi hanno permesso di avere un approccio dinamico e stimolante e di apprendere attraverso il confronto con realtà differenti.