Usa, tecnologia guida la crescita della Borsa ma non in modo esclusivo

Nadia Grant, gestore del fondo Threadneedle (Lux) American e responsabile del team azionario Usa di Columbia Threadneedle Investments a Londra, chiude l’inchiesta di Fondi&Sicav sul mercato azionario statunitense

columbia-threadneedle-investments-logo-vector

Nadia Grant
Nadia Grant, Columbia Threadneedle Investments

Nell’ultimo decennio la performance dello Standard and Poor’s 500 ha beneficiato molto della spinta dei titoli tecnologici in generale. Credete che le sorti dell’equity Usa saranno ancora legate a quelle di questo settore o che il cambio del ciclo comporti variazioni dell’asset allocation settoriale dei portafogli d’investimento?

Se da un lato è vero che gran parte della recente crescita della Borsa americana è stata guidata dai titoli tecnologici, riteniamo, tuttavia, che sia più utile inquadrare la questione in termini di innovazione e “disruption del mercato che hanno alimentato tale crescita e questo è visibile in vari settori, non solo in quello tecnologico. Il traffico dati sta aumentando rapidamente nell’economia globale. Siamo agli inizi di megatrend secolari, la cloud economy sta creando un forte bisogno di acquisizioni con un buon rapporto costo/efficacia, di archiviazione, di comunicazione e analisi di dati. Il cloud computing, l’intelligenza artificiale, le auto connesse, il gaming, il wireless 5G e l’internet delle cose potrebbero nel complesso generare decine di miliardi di opportunità accessibili nel corso dei prossimi anni. Nel settore dei beni di consumo secondari, Amazon ha attirato molta attenzione per aver stravolto il sistema di vendita al dettaglio tradizionale. Le aziende fintech, come Square, stanno seguendo la stessa direzione nel settore dei pagamenti, così come Netflix, che ha completamente modificato il settore dei media. Sebbene le origini di tali “distorsioni” possano essere riconducibili al tradizionale settore tecnologico, notiamo che i loro mercati finali sono vasti e gli effetti di ampia portata.

Di conseguenza sembra che la questione non sia più confinata solo al settore “tecnologico. Il settore continua a guidare la crescita degli utili dell’indice S&P 500 ma non in modo esclusivo.

Quali variabili potrebbero offrire nuova linfa alla Borsa Usa? Sarà una Fed più dovish -dopo la fine degli effetti della riforma fiscale sui risultati aziendali – a offrire nuovo carburante all’equity?

Ora che gli effetti della riforma fiscale stanno diminuendo e che la correzione del mercato del quarto trimestre 2018 è ancora memoria recente, siamo positivi su due sviluppi:

1- La Cina e gli Stati Uniti sono orientate verso la risoluzione della loro disputa commerciale.

2- La Fed ha adottato un approccio più flessibile nel modo in cui sta gestendo il rallentamento dell’economia globale. Il recente annuncio di porre fine al programma di riduzione del bilancio entro il terzo trimestre del 2019 e il tono più “dovish” riguardo al futuro percorso dei tassi di interesse potrebbero contribuire a prolungare la crescita economica. Le previsioni vedono ancora per quest’anno un tasso di crescita solido degli utili delle aziende negli Stati Uniti, con la crescita economica vicina al 2%. Il dato, per quanto inferiore rispetto agli ultimi anni, rappresenta ancora una crescita robusta e si pone in posizione di contrasto rispetto al resto del mondo. Le valutazioni rimangono positive, con il rapporto prezzi/utili atteso dello S&P 500 in linea con le medie storiche. Di conseguenza, siamo positivi sull’outlook del mercato americano.

 

Stefania Basso
Laureata all'Università Statale di Milano, dal 2006 collaboro con Fondi&Sicav. Lunga esperienza nel settore del risparmio gestito come marketing manager presso Franklin Templeton Investments e J.P. Morgan Fleming Am a Milano e a Lussemburgo. Breve esperienza presso Lob Media Relations come ufficio stampa per alcune realtà finanziarie estere. In tutto il mio percorso professionale ho lavorato a stretto contatto con persone provenienti da diverse parti del mondo, che mi hanno permesso di avere un approccio dinamico e stimolante e di apprendere attraverso il confronto con realtà differenti.