Valore interessante delle azioni UK

a cura di Stefania Basso

Tra i mercati sviluppati Giappone positivo. Strategia di investimento mensile di Aberdeen AM

Le incertezze elettorali in sette paesi europei quest’anno, compreso il Regno Unito, potrebbero scoraggiare gli investitori asiatici ed americani nel breve termine ma con il dollaro americano a un massimo di 12 anni contro l’euro e la crescita top line difficile da realizzare gli investimenti torneranno a crescere nel momento in cui svanirà l’effetto dell’incertezza politica.

Molti analisti prevedono incertezza nel breve termine nel mercato azionario britannico prima del 7 maggio – e anche dopo – a causa dell’avvicinarsi delle elezioni e dell’imprevedibilità del risultato. Tuttavia l’evento non è raro – in media i mercati azionari UK hanno performato in modo debole durante le passate elezioni politiche. L’incertezza sulla formazione del nuovo Governo potrebbe causare un aumento della volatilità nel breve termine ma è sbagliato concentrare l’attenzione solo sulle elezioni come unica fonte di fluttuazione del mercato. La percepita solidità della ripresa americana, la situazione in Ucraina e Medio Oriente e la generale situazione positiva del Regno Unito e delle economie globali rimarranno elementi chiave determinanti a guidare i prezzi degli attivi britannici.

Il team di Aberdeen AM rimane lievemente sovrappesato sulle azioni e sottopesato sui titoli di Stato. Le azioni europee ex UK hanno sovraperformato in modo significativo nel primo trimestre del 2015, realizzando un rendimento del 15,4% in valuta locale. Anche se le condizioni macro-economiche e gli utili rimangono positivi, le valutazioni delle azioni europee e la fiducia sembrano “tirate”. Di conseguenza Aberdeen AM sta eliminando a poco a poco il sovrappeso sulle azioni europee, tornando verso una posizione neutrale e reinvestendo nelle azioni UK, che al momento presentano un valore più interessante. Tra i mercati sviluppati il Giappone è ancora quello più positivo grazie alle valutazioni interessanti, allo slancio di crescita degli utili societari e alle dinamiche delle riforme microeconomiche.

Tra i mercati emergenti si trovano i vincenti e i perdenti sulla base dell’impatto dell’abbassamento dei prezzi dell’energia sulle singole economie ma si nota un livello maggiore di attivismo in termini di politica monetaria. Per quanto riguarda il reddito fisso vengono favoriti l’investimento alto rendimento e privilegiato l’alto rendimento europeo rispetto a quello statunitense a causa della fase meno matura della ripresa economica e della minore esposizione dell’energia nel mercato europeo. Il settore immobiliare commerciale è sopravvalutato ma nel breve termine i flussi di capitale nel settore potrebbero continuare a causa della continua ricerca di rendimento.

Stefania Basso
Stefania Basso
Laureata all'Università Statale di Milano, dal 2006 collaboro con Fondi&Sicav. Lunga esperienza nel settore del risparmio gestito come marketing manager presso Franklin Templeton Investments e J.P. Morgan Fleming Am a Milano e a Lussemburgo. Breve esperienza presso Lob Media Relations come ufficio stampa per alcune realtà finanziarie estere. In tutto il mio percorso professionale ho lavorato a stretto contatto con persone provenienti da diverse parti del mondo, che mi hanno permesso di avere un approccio dinamico e stimolante e di apprendere attraverso il confronto con realtà differenti.