Villa Crespi, sfarzosa dimora sulle rive del lago d’Orta

Villa Crespi, un maestoso relais 5 stelle in stile moresco si trova immerso nel verde delle rive del lago D’Orta nel cuore del Piemonte. Commissionata nel 1879 all’architetto Andrea Colla da Cristoforo Benigno Crespi, pioniere dell’industria cotoniera, ispirandosi alle architetture di Baghdad.

esterno Villa Crespi
esterno Villa Crespi

I lavori durano 30 anni e il risultato è un capolavoro che ancora oggi, toglie il fiato. L’atmosfera che si respira è fiabesca da Mille e una Notte, ricca di cupole, archi intrecciati, ornati ricchi e raffinati realizzati in stucco e gesso modellato, dipinti e colonne di marmo.

dettaglio interno Villa Crespi
dettaglio interno Villa Crespi

Nel tempo si susseguono diversi proprietari, negli anni trenta del Novecento, viene acquistata dai Marchesi Fracassi di Torre Rossano, divenendo luogo di soggiorno per poeti, nobili e regnanti, tra cui Re Umberto di Savoia. Nel 1999 diventa un resort 5 stelle, a seguito di un’accurata ristrutturazione, da parte di Cinzia ed Antonino Cannavacciuolo, rendendola un punto di riferimento per l’ospitalità italiana. Tutte le camere e le suites sono ricche di comfort e dettagli, le tappezzerie in seta dai colori sgargianti e il raffinato pavimento in parquet accolgono gli ospiti e donano al soggiorno un’allure ricco di charme.

Suite Rania Villa Crespi
Suite Rania

Antonino Cannavacciuolo è lo Chef Patron del ristorante 2 stelle Michelin all’interno dell’hotel 5 stelle lusso Villa Crespi a Orta San Giulio.

«Non puoi rispettare la storia senza la ricerca costante della qualità o con prodotti che non ne fanno parte. C’è gente che ‘scassa’ perchè il pollo alla diavola deve essere buono come quello di una volta e poi scopri che acquista la carne del Nord Europa e il pomodoro del Marocco. Invece di contestare la ricetta moderna ai cuochi, la gente pensi all’ingrediente. Così permettiamo a tante persone di fare seriamente il contadino che sta tornando a essere un gran lavoro e non un ripiego, poco considerato dalla gente. Sono convinto che tra quindici anni sul palco dei congressi di cucina, saliranno i contadini al posto dei cuochi».

Propone una cucina sempre sorprendente, caratterizzata dall’utilizzo di materie prime d’eccellenza in un’armoniosa fusione tra passato e presente per una cucina mediterraneo-creativa coinvolgente ed emozionante, ispirandosi alla tradizione della sua terra di origine, la Campania, e a quella d’adozione, il Piemonte, e dalla semplicità dei sapori di casa. Oltre che acclamato chef dello schermo dove ha dimostrato tenacia nella ricerca ed ispirazione costante, e si dedica ad altri progetti di ristorazione ed accoglienza, come Laqua Charme & Boutique a Meta di Sorrento, e della sua patria adottiva, come Cannavacciuolo Café & Bistrot e Cannavacciuolo Bakery di Novara e Cannavacciuolo Bistrot di Torino.

A completare il soggiorno, Chandra Deva, una piccola suite del benessere ricca di trattamenti ayurvedici.

dettaglio interno Villa Crespi
dettaglio interno Villa Crespi

 

www.villacrespi.it

Advertisement